La musica ha il potere di influenzare il nostro umore e a confermarlo è proprio la scienza. Grazie ad una ricerca commissionata da “Alba”, un’azienda inglese che produce attrezzature elettroniche, è stato infatti stabilito qual è la canzone più positiva di tutti i tempi.

Lo studio ha interessato duemila inglesi a cui è stato domandato quale fosse la canzone che riuscisse a farli stare meglio. Il brano che è spopolato su tutti è il must del 1978 cantato dai QueenDon’t stop me now“.  Jacob Jolij, neuroscienziato dell’università olandese di Groningen, ha voluto motivare le ragioni di quella scelta evidenziandole in una mail inviata al “The Huffington Post”:

“La mia analisi ha confermato molto bene quello che già sapevamo dalla letteratura: canzoni scritte con dei toni alti e con un ritmo veloce sono i migliori per trasmettere emozioni positive. Praticamente per stare bene gli intervistati ascolano canzoni in tonalità maggiore e tutti i brani hanno un ritmo di almeno 10 BPM in più rispetto alla media delle canzoni pop”.

Il potere che la musica ha sul nostro umore è quindi testato scientificamente, così come conferma lo studioso:

“Anche se non può individuare una canzone capace di farci stare bene, quello che possiamo fare è identificare delle caratteristiche specifiche di quel brano che hanno la forza di sollevare il nostro umore. Dai dati che abbiamo raccolto emerge chiaramente come la musica possa influenzare il nostro umore“.

Oltre al brano dei Queen, seguendo la ricerca tra le canzoni più amate compaiono anche “Dancing Queen” degli ABBA, “Good Vibrations” dei Beach Boys e “Uptown Girl” di Billy Joel.