Alla fine se l’è cavata con poco Justin Bieber: finito sotto processo a Miami per aver guidato ubriaco una Lamborghini, lo scorso mese di gennaio, il cantante si è dichiarato colpevole e ha patteggiato la pena. Niente carcere per lui, dunque, ma una donazione di 50.000 dollari – che andranno in beneficenza – e la partecipazione ad un corso di 12 ore per imparare a gestire la rabbia (finirà in rehab in poche parole..). Il ragazzo dovrà visionare anche una serie di video in cui sono mostrate le conseguenze della guida in stato di ebrezza.

I suoi avvocati hanno già fatto sapere che Bieber ha donato i 50.000 dollari ad un istituto di Miami che si occupa di bambini. Ma i guai giudiziari non sono certo finiti per lui: il mese scorso aveva dovuto risarcire 80 mila dollari per atti di vandalismo e tutt’ora ha due cause ancora in corso, per aver assalito l’autista di una limousine a Toronto e un fotografo a Miami.

Su Twitter è subito partita la “solidarietà” delle sue tantissime fans, che lo stanno supportando attraverso l’hashtag #weareherejustin