La sezione dedicata alle produzioni cinematografiche di Amazon e Joseph Gordon-Levitt sono al lavoro per portare su grande schermo un film sulla nascita del Ku Klux Klan e l’uomo che scese in campo per combattere il gruppo razzista.

Da quanto stanno riferendo alcuni siti d’oltreoceano Amazon avrebbe acquistato i diritti di un articolo di Slate di prossima pubblicazione firmato da Matthew Pearl che tratta proprio l’argomento.

Ambientato nel periodo appena posteriore alla Guerra Civile, il film si concentrerà sulla nascita del Ku Klux Klan negli stati meridionali degli USA, avvenuta nel 1965 e sul Maggiore Lewis Merrill, l’uomo che creò e guidò la K Troop, ovvero il battaglione speciale che ingaggiò una guerra senza quartiere con i razzisti incappucciati.

K Troop è il titolo con cui finora si è designato il progetto, al quale non è ancora legato né uno sceneggiatore né un regista: Gordon-Levitt al momento è indicato come produttore e più che probabile interprete del protagonista, uomo enigmatico e brillante stratega che mise in piedi una rete di spionaggio – di cui facevano parte anche un certo numero di coraggiosi afroamericani – atta a ricostruire tutte le mosse del Ku Klux Klan.

Distrutto nel 1871 proprio grazie agli sforzi del Maggiore, la banda di suprematisti sarebbe riemersa poi nei turbolenti anni ’20 espandendosi in tutto il territorio americano, per poi ripresentarsi compattamente durante l’epoca della discussione dei diritti civili negli anni ’50.

Joseph-Gordon Levitt, 35 anni d’età, sarà il prossimo protagonista dell’atteso biopic Snowden firmato da Oliver Stone, in cui per l’appunto interpreterà il famoso whistleblower che ha messo in scacco l’NSA rivelando le tecniche di sorveglianza segreta dell’agenzia americana e che per questo è dovuto fuggire dal Paese.

Per Amazon quello di K Troop è l’ennesimo colpo sensazionale dopo l’annuncio della produzione del nuovo film di Woody Allen (ma siamo ancora in attesa della serie da lui promessa), per non parlare dell’acquisto dei diritti di distribuzione di Manchester by the Sea, il beniamino di critica e pubblico dell’ultimo Sundance Film Festival.