Ormai sembra una vera e propria partita, con due squadre schierate una contro l’altra. Stiamo parlando della sempre più discussa separazione tra Johnny Depp e Amber Heard. Negli ultimi giorni, dopo che la bionda 30enne ha presentato la domanda di divorzio dopo appena 15 mesi di matrimonio con il divo hollywoodiano, si sono schierati due fronti opposti.

Da una parte Amber Heard accusa l’ormai ex marito di violenze domestiche, con tanto di lividi sul volto che lo testimoniano. Dall’altra invece ci sono gli amici e i familiari di Johnny Depp, pronti a giurare che l’interprete di Edward mani di forbice non è assolutamente un tipo violento.

Le ultime accuse nei confronti di Johnny Depp, in questo divorzio sempre più mediatico e pubblico, arrivano da un’amica di Amber Heard. Secondo quanto dichiarato al New York Post, l’attore 52enne in un’occasione avrebbe addirittura tentato di soffocare l’ex moglie con un cuscino.

Stando a quello che ha dichiarato l’amica di Amber Heard: “Lei mi ha scritto un sms, sono corsa da lei e l’ho trovata tumefatta, le mancava anche una ciocca di capelli dalla testa..”. L’amica dell’attrice ha inoltre affermato che non era la prima volta a cui assisteva a episodi di questo tipo e ha dichiarato che spesso Johnny Depp era ubriaco e parecchio arrabbiato. In un momento di rabbia contro la moglie, sarebbe anche arrivato a prendere a pugni una parete della loro dimora con grande violenza. Un episodio che provocò lo stop nelle riprese del nuovo capitolo cinematografico delle avventure dei Pirati dei Caraibi, poiché si è dovuto sottoporre a un intervento alla mano.

A difendere Johnny Depp, però, dopo le parole positive da parte della figlia Lily-Rose Melody Depp, dell’ex moglie Lori Anne Ellison e dell’ex compagna Vanessa Paradis, ci sono anche le dichiarazioni del comico Doug Stanhope, che a proposito di Amber Heard ha detto: “È una manipolatrice senza scrupoli. Johnny non è violento con nessuno. È stato ricattato, manipolato e dipinto come un coglione. Lui sapeva che sarebbe successo, ma non ha potuto fare niente per evitarlo”.