La figlia sedicenne di Johnny Depp e Vanessa Paradis, Lily-Rose Melody, è stata scelta da Chanel come testimonial per una nuova linea di occhiali firmata dallo stilista Karl Lagerfeld, in tutti i negozi a partire dal prossimo mese di settembre. La figlia di Johnny Depp ha in realtà iniziato la sua carriera di modella da oltre un anno. Proprio un anno fa, infatti, posò per una rivista australiana e da allora la sua carriera sembra essere costantemente in ascesa.

Lily-Rose Melody segue dunque le orme di sua madre, l’ex moglie di Johnny Depp Vanessa Paradis, che divenne testimonial Chanel a soli diciannove anni, dopo aver debuttato nel mondo della musica a tredici anni e in quello cinematografico a sedici. Lily-Rose Melody diventa dunque testimonial Chanel a venticinque anni di distanza da sua madre (a cui somiglia tantissimo) e si appresta a conquistare la sua fetta di fama, conscia di avere alle spalle due genitori che con il tempo sono diventati due vere e proprie icone dello show business.

Il video del breve spot Chanel che annuncia la nuova linea di occhiali firmati da Karl Lagerfeld può essere visto giù in basso nell’articolo ma c’è da dire però, che qualcuno ha provato a polemizzare sul fatto che ad una ragazza così giovane, di appena sedici anni, possa essere permesso di essere già modella e testimonial per una linea così importante. Si tratta, più in particolare, della psicologa per l’infanzia Michelle Elliott che afferma: “A sedici anni di età non si è mentalmente emotivamente o intellettualmente in grado di far fronte alle pressioni imposte dal lavoro di modella. La mia ricerca mostra che anche i sedicenni di età che ritengono di essere sufficientemente grandi hanno difficoltà a gestire le pressioni degli adulti. Abbiamo riscontrato che gli effetti, in generale, non sono positivi“.

Papà Johnny Depp, nel vortice delle polemiche in Australia (leggi qui la notizia), nel frattempo ha invece pensato bene di fare un po’ di acquisti importanti. Come ha rivelato infatti l’agenzia stampa Ana/Mpa, l’attore ha acquistato per 4,2 milioni di dollari l’isolotto greco di Strongyli, situato nel Mar di Levante, a largo delle coste turche.