La denuncia contro John Travolta è arrivata alla Corte Distrettuale di Los Angeles da parte di un massaggiatore che afferma di essere stato molestato sessualmente dall’attore.

Il fatto sarebbe avvenuto il 16 gennaio al Beverly Hills Hotel di Los Angeles.

Secondo le dichiarazioni del massaggiatore, che si è identificato come John Doe, John Travolta lo avrebbe contattato per ricevere un massaggio (al costo di 200 euro l’ora). Doe, dopo essersi incontrato con Travolta e essere salito sulla sua macchina, ha raggiunto insieme all’attore l’hotel dove avrebbe fatto il servizio richiesto.

Ma, sempre secondo la sua deposizione, dopo il massaggio travolta avrebbe proposto al ragazzo di avere un rapporto omosessuale, proposta prontamente rifiutata dall’uomo, che ha asserito di non aver mai avuto rapporti sessuali con i suoi clienti.

Il rifiuto avrebbe provocato una violenta reazione da parte dell’attore.

Da qui l’accusa, ma John Travolta, attraverso i suoi legali, fa sapere che si tratta solo di una menzogna senza alcun tipo di fondamento, e che nessuno dei fatti raccontati dall’uomo è mai realmente avvenuto, anche perché, in quei giorni, Travolta non si trovava a Los Angeles, ma dall’altra parte degli Stati Uniti.

John Doe ha fatto una richiesta di risarcimento danni per due milioni di dollari.