Secondo la moglie dell’ex Beatles John Lennon, Yoko Ono, l’artista britannico avrebbe avuto pulsioni bisessuali ma non sarebbe mai andato con un uomo, probabilmente perché troppo inibito, a detta della stessa donna. Yoko Ono ha fatto queste dichiarazioni su John Lennon nel corso di un’intervista per il Daily Beast, in cui avrebbe raccontato di come suo marito, assassinato l’8 dicembre del 1980 da Mark Chapman, desiderasse sì andare a letto con altri uomini ma che alla fine non riuscì mai a farlo anche perché non trovò la persona giusta. John Lennon, sempre secondo sua moglie, avrebbe desiderato qualcuno che non fosse soltanto attraente fisicamente ma anche e soprattutto mentalmente.

E nonostante l’ex Beatles non sia mai riuscito a trovare qualcuno che gli permettesse di vivere realmente questa esperienza, Yoko Ono si è detta assolutamente convinta che alla fine non abbia mai concretizzato le sue pulsioni bisessuali proprio a causa dell’inibizione e del fatto di non aver trovato la persona giusta che stava cercando. A confessare tutto ciò sarebbe stato lo stesso Lennon alla moglie, poco prima di essere assassinato da Chapman, a New York.

Yoko Ono ha anche avuto modo di chiarire la “relazione” tra suo marito e il manager dei Beatles, Brian Epstein. All’epoca si vociferò che i due avessero una sorta di storia, Lennon stesso aveva definito il rapporto con il manager “una storia d’amore mai consumata”. Yoko Ono, in realtà, afferma che nonostante la relazione tra i due fosse piuttosto esplicita, probabilmente non era mai accaduto nulla di concreto dal punto di vista sessuale.

E quando infine le viene chiesto se lei riuscirebbe mai ad avere una relazione con una donna, Yoko Ono spiega: “John e io ne abbiamo parlato molto, dicendo che in fondo, tutti dovremmo essere bisessuali. E siamo giunti alla conclusione di non esserlo stati a causa della società. In pratica, abbiamo nascosto un lato di noi stessi, quello meno accettabile. Ma io, però, non ho un forte desiderio sessuale verso le altre donne“.