Jennifer Lawrence è pronta a passare dietro la macchina da presa? La protagonista della saga di Hunger Games è intenzionata a esordire alla regia e presto potrebbe averne l’occasione, con una commedia ambientata negli anni ’60 che si dovrebbe chiamare Project Delirium.

Il progetto per ora è ancora alle fasi iniziali, ma Jennifer Lawrence sembra davvero fare sul serio. La lanciatissima 25enne non ha certo intenzione di abbandonare la professione di attrice, però vuole ampliare il campo delle sue competenze cinematografiche e nei prossimi mesi potremmo vederla impegnata anche come regista.

Ad annunciare le sue intenzioni è stata la stessa Jennifer Lawrence in una nuova intervista concessa durante il lancio del suo ultimo film, il capitolo finale della serie di Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte 2, che ha appena superato i 300 milioni di dollari di incasso a livello mondiale ed è attualmente in testa ai botteghini di mezzo pianeta, Stati Uniti e Italia compresi.

Jennifer Lawrence ha dichiarato: “Mi piacerebbe girare una commedia, ho sempre sognato di fare la regista, sin da quando ho iniziato a fare l’attrice. Non l’ho detto semplicemente perché preferisco farlo. Ho trovato l’accordo per girare qualcosa chiamato ‘Project Delirium’, si basa su un articolo che parla delle condizioni mentali negli anni ’60, affrontando alcuni esperimenti che sono finiti in maniera terribile. Penso sia divertente, d’altronde volevo dirigere sin da quando avevo 16 anni e ho sempre pensato di iniziare facendo piccoli passi. Probabilmente se ci avessi provato non sarei stata abbastanza pronta, ora invece sento di potercela fare”.

Project Delirium sarà tratto da un articolo scritto da Raffi Khatchadourian e pubblicato sul New Yorker nel 2012. Il pezzo era incentrato su una serie di esperimenti effettuati dal colonnello James S. Ketchum nel corso degli anni ’60, con alcune sostanze come marijuana e LSD che vennero testate su un gruppo di militari statunitensi. Uno spunto davvero curioso per quello che dovrebbe essere l’esordio alla regia di Jennifer Lawrence.