Un lutto inaspettato nel mondo del cinema: l’attore e produttore cinematografico statunitense di origine italoamericana, James Gandolfini, 51 anni, noto soprattutto per il suo ruolo del boss Tony Soprano nella serie tv ‘I Soprano‘, si è spento ieri durante una vacanza a Roma per un sospetto attacco cardiaco.

Dopo la fine della serie The Sopranos nel 2007 (telefilm che gli ha fatto vincere 1 Golden Globe, 3 Emmy e 3 SAG e svariati premi minori, Gandolfini ha legato per sempre la sua immagine a quella del corpulento, fragile e spietato capofamiglia.

Recentemente lavevamo visto sul grande schermo in Zero Dark Thirty (2012) e The Incredible Burt Wonderstone (2013, non uscito in Italia).

L’attore stava ora lavorando a una nuova serie della Hbo, intitolata ‘Criminal Justice’. Proprio la rete Hbo alla notizia del decesso di Gandolfini ha così commentato: “Siamo colpiti da un’incommensurabile tristezza. Era un un uomo speciale, un grande talento, che con il suo straordinario senso dell’umorismo, il suo calore e il suo rispetto, ha toccato molte persone“.