Dopo Maria De Filippi, il suo compagno d’avventura sarà Gerry Scotti nel talent per cantanti giovanissimi. Le parolacce? Cercherà di non dirne.

Diciamolo subito, Mara Maionchi (foto by InfoPhoto) piace per quel suo modo di fare decisamente spontaneo, dice quel che pensa a chiunque, non si pone limiti e quel suo linguaggio molto colorito sfocia spesso in parolacce. Quasi un suo marchio di fabbrica, osiamo dire. Ma da settembre le cose dovranno necessariamente cambiare, la censura sarà un obbligo.

Già, perchè con l’inizio della stagione televisiva, Mara Maionchi non sarà più ad Amici di Maria De Filippi, ma sarà alla corte di Gerry Scotti nella giuria del baby talent Io canto 4. Dovrà tenere a freno la sua istintività, niente parolacce, con la speranza “che i bambini siano peggio di me”, dice ridendo la nonna rock ai microfoni di E..state in onda su Antenna Radio Esse.

Mara Maionchi certo non fa salti di gioia per questo suo fiorito esprimersi a suoN di parolacce ma:

Vorrei non dirle, ma fa parte del mio carattere e della mia foga di sostenere delle situazioni a tal punto da sottolineare queste intenzioni con parole che non dovrei dire, nell’ambito della convinzione mi scappano. Non mi piace, ma purtroppo mi sopporto.
Anche se nonna rock, Mara Maionchi fa raccomandazioni ai piccolini: Io dico sempre ai bambini di non dire parolacce perché le possono dire solo le vecchie signore. Devo sottolineare una cosa che mi fa molto piacere: le mie figlie non dicono mai parolacce

Ed aggiunge:

Sono nonna a tutti gli effetti. Mia figlia ha dato alla luce un figlio ed io sono diventata nonna ufficialmente. Sono consapevole dell’età che ho, ho fatto tante cose, è passato il tempo. Certamente non mi sento ‘fuori’. Sono una nonna con, ancora, delle velleità.

Ed a proposito di talent, Mara Maionchi, ormai lontana da Amici 13, esprime un parere favorevole sui giovani che vogliono sfondare nel mondo della musica leggera: I consigli sono sempre relativi a ciascun carattere e a ciascuna storia. Devono lavorare, cercarsi, riascoltarsi ed essere consapevoli di chi sono e di chi vorrebbero essere. E’ difficile ma non c’è altro da fare.

In attesa di Io canto 4 che Roberto Cenci racconta essere più ricco rispetto alle precedenti edizioni, non ci resta che sperare in un cambiamento anche di Mara Maionchi.