A 20 anni di distanza dal primo spettacolare capitolo Roland Emmerich ritorna con Independence Day 2, il sequel del film di fantascienza che lo consacrò come uno dei registi di blockbuster più importanti della decade dei ’90.

A tornare non è solo il cineasta, ma anche i due attori principali del terzetto originale (Will Smith ha infatti dato forfait), ovvero lo scienziato Jeff Goldblum e l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Pullman.

La coppia, insieme ai nuovi protagonisti Liam Hemsworth, Judd Hirsch, Vivica A. Fox, Brent Spiner, la veterana Charlotte Gainsbourg, Jessie Usher, Maika Monroe  (vista nell’horror It Follows) e Sela Ward dovranno fronteggiare gli stessi alieni che avevano combattuto nel primo episodio di quella che ormai si può considerare una saga.

Come ricorderete, infatti, nel primo Independence Day la gigantesca nave madre aliena veniva sconfitta grazie all’utilizzo di un virus informatico, ma come scopriamo nel sequel gli invasori hanno fatto in tempo ad avvertire il loro mondo di origine, che ha immediatamente invitato i rinforzi.

Viste le distanze siderali che separano la Terra dal mondo alieno il viaggio che questi hanno dovuto affrontare è durato 20 anni, durante i quali i terrestri hanno potuto sfruttare la tecnologia ricavata dall’equipaggiamento dei loro nemici mortali per compiere incredibili passi in avanti.

In Independence Day 2 – che negli Stati Uniti è dotato del sottotitolo di Resurgence – vedremo dunque una difesa più consapevole e meno improvvisata rispetto a quanto accaduto nell’originale. Questa la trama ufficiale della pellicola, in uscita in America il 24 giugno 2016.

Abbiamo sempre saputo che sarebbero tornati. Usando la tecnologia aliena recuperata sul campo, le nazioni della Terra hanno collaborato per costruire un immenso programma di difesa per proteggere il pianeta. Ma niente può prepararle all’avanzatissimo e colossale dispiegamento di forze aliene. Solo l’ingenuità di alcuni uomini e donne coraggiosi potranno salvare il mondo dall’estinzione totale.