Sarà sicuramente una notizia che getterà nello sconforto tutti gli appassionati de Il Trono di Spade, i quali non sono affatto pochi, visti gli incredibili dati d’ascolto del serial tv prodotto dalla HBO e tratto dal ciclo di romanzi di George R. R. Martin: il Presidente del canale televisivo ha infatti rivelato che molto probabilmente la stagione 8 segnerà la chiusura della serie.

L’annuncio di Michael Lombardo è avvenuto durante la presenza de Il Trono di Spade all’associazione dei critici televisivi, anche se la speranza di tutti, compresa quella del dirigente, è che i due showrunner e produttori esecutivi David Benioff e D.B. Weiss possano cambiare idea.

Già in passato la coppia aveva confessato di aver immaginato una struttura narrativa in grado di reggere sette,  al massimo otto stagioni, e come i lettori sapranno il materiale letterario con cui stanno lavorando sta lasciando ampio margine di innovazione e invenzione per quanto riguarda la sesta annata.

I due infatti hanno discusso con Martin come potrà continuare la saga televisiva in attesa che lo scrittore si decida a dare un seguito ai romanzi, fermi da molto tempo (con vivo dispiacere dei fan). Nel 2014 queste erano state le loro dichiarazioni: “L’anno scorso lo abbiamo incontrato e abbiamo parlato della direzione presa dalla narrazione, perché non sapevamo quando avremmo raggiunto i libri. Conoscendo il finale si possono gettare le fondamenta, e così volevamo sapere come sarebbe finito tutto. Abbiamo discusso praticamente tutte le storie dei protagonisti.”

Chiaramente, visti i risultati senza precedenti, il presidente della HBO Lombardo aveva dichiarato sperare che Il Trono di Spade potesse durare 10 stagioni, visto l’enorme successo, ma gli showrunner avrebbero altre carte da giocare. Lombardo ha infatti affermato di essere “aperto a qualsiasi cosa, se David and Dan sono intenzionati a farlo”: l’idea accarezzata è quella di un prequel o di uno spin-off, in cui, data la ricchezza del materiale di partenza, prendere in esame le vicende dei vari personaggi prima degli eventi conosciuti da tutti gli spettatori.

Nel frattempo tutte le teorie si stanno concentrando sulla sorte di Jon Snow, che secondo molti potrebbe tornare in qualche modo anche l’anno prossima. A confermare implicitamente i sospetti la capigliatura dell’attore Kit Harrington, rimasta molto simile a quella del suo personaggio anche dopo la fine delle riprese.