Uscirà il 5 maggio al cinema un nuovo thriller, Il traditore tipo, che rappresenta l’ennesimo capitolo delle trasposizione cinematografiche delle opere di John Le Carré.

Maestro del genere dello spy-thriller, il romanziere che ha scritto i testi alla base di film come Il sarto di Panama, La spia che venne dal freddo, The Constant Gardener, La talpa e La spia, solo per citarne alcuni.

Protagonisti del film sono Ewan McGregor (che presto dovremmo vedere nell’attesissimo Trainspotting 2 e che di recente ha recitato in The Impossible) e Naomie Harris (vista in Skyfall e Spectre nei panni della nuova Moneypenny e in Southpaw), che vengono affiancati dal veterano Stellan Skarsgard (attore tanto di cinema d’autore come Nymphomaniac e Melancholia, tanto di blockbuster come Avengers e Thor) e Damian Lewis (noto sopratutto per la serie Homeland).

McGregor e Harris vestono i panni di Perry e Gail, una coppia inglese in vacanza a Marrakech, dove fa amicizia con un appariscente e carismatico uomo d’affari russo di nome Dima, il quale si rivela essere un boss del riciclaggio di denaro appartenente alla mafia russa.

I due accettano di aiutarlo a fornire informazioni confidenziali ai servizi segreti inglesi, ritrovandosi così coinvolti nel mondo dello spionaggio politico internazionale. Tra Parigi e Berna, le Alpi francesi e i bassifondi di Londra, la coppia vive un pericoloso viaggio che li porterà a stringere alleanza con il governo britannico tramite uno spietato e determinato agente segreto dell’MI6.

A realizzare la trasposizione del libro di le Carré è stato Hossein Amini, già apprezzato sceneggiatore di Drive e I due volti di gennaio, il quale ha raccontato come parte dell’interesse del film risiede nel modo in cui il romanziere “riesca a riprendere e incorporare tematiche molto importanti all’interno di un thriller ricco di colpi di scena. Il pubblico può immedesimarsi in questa coppia innocente che si ritrova ad affrontare situazioni pericolose in agguato dietro ogni angolo.”

A dirigere la pellicola è Susanna White, regista principalmente televisiva che in passato ha girato episodi di Generation Kill, Boardwalk Empire, Masters of Sex e Billions.

La cineasta ha racconta di come l’abbiano interessata i tanti riferimenti all’attualità che lo scrittore fa, sopratutto in merito agli “anni che seguirono il crollo economico globale del 2008 e dell’influenza che la Russia e l’Europa esercitarono in Gran Bretagna. Mi ha colpito il fatto che si tratti di una storia molto moderna. Sono cresciuta con i romanzi di le Carré e la maggior parte delle sue storie guardano al passato con buie ambientazioni, solitamente in interni. Il traditore tipo è invece un grande road movie, un viaggio attraverso cinque Paesi.”

Nella clip in esclusiva per Leonardo.it possiamo assistere un momento di gioia per il successo dell’operazione che però viene interrotto da un imprevisto che impedisce a Dima di volare a Londra al sicuro con la sua famiglia come da accordi presi.