Sta per arrivare nelle sale cinematografiche Il Rosso e il blu, tratto dall’omonimo romanzo di Marco Lodoli e diretto da Giuseppe Piccioni (già autore di pellicole come La vita che vorrei e Giulia non esce la sera). La scuola è la vera protagonista di questa pellicola, configurandosi come specchio dei tempi e della società moderna.

Il tutto scorre senza una morale, con la semplice e spietata ironia di chi sta a metà tra commedia stereotipata e verità profonde. Verità che saltano fuori sul finale, all’improvviso, come nei film che si rispettino. Così, un Riccardo Scamarcio nei panni di professore convinto e un sempre magistrale Roberto Herlitzka nei panni del professore disilluso, rendono quest’opera una buona opera.

Nel cast c’è anche Margherita Buy, nei panni della preside dell’istituto.

Ecco alcuni frammenti di trama: Il supplente di lettere Prezioso (Riccardo Scamarcio) è un tipo passionale, che vive con assoluto slancio la sua professione. Presto, però, Prezioso sarà costretta a fare i conti con la generale superficialità e mancanza di passione del mondo studentesco, mentre la durezza dell’anziano e disilluso professore di storia dell’arte Fiorito (un sublime Roberto Herlitzka) dovrà confrontarsi con il tenero richiamo di una vecchia alunna che, ormai adulta, ancora ricorda con assoluto trasporto la lezione “tra classicismo e romanticismo” impartita dal maestro.