Trionfatore al Festival di Cannes 2014, dove è stato premiato con la Palma d’oro per il miglior film, Il regno d’inverno – Winter Sleep arriva finalmente anche nelle sale italiane.

Il settimo lungometraggio del regista Nuri Bilge Ceylan ci porta nelle suggestive lande della Cappadocia, la regione centrale della Turchia caratterizzata da peculiari formazioni rocciose, che ogni anno ospita milioni di visitatori da tutto il mondo.

Il mastodontico film di Ceylan, dalla durata di tre ore e un quarto, è ambientato proprio in un piccolo albergo della regione, durante il periodo invernale quando la neve cade in abbondanza, l’hotel diventa un rifugio e i turisti scarseggiano.

Protagonista del film è l’ex attore Aydin, proprietario del locale, che gestisce insieme alla giovane e bella moglie Nihal e alla sorella Necla, da poco separatasi dolorosamente dal marito. Colto, elegante e raffinato, Aydin sembra un padrone di casa modello, nonché una personalità molto rispettata nella zona: la convivenza forzata con la famiglia farà emergere però tutti i lati sgradevoli del tirannico ex istrione e l’animosità che lo circonda.

Il regno d’inverno, in uscita dal 9 ottobre, è stato descritto dalla critica come un film dai dialoghi interminabili, un’eccezione all’interno della filmografia di Ceylan che è noto per il suo stile contemplativo in cui il silenzio è spesso di casa (e di cui Le tre scimmie e C’era una volta in Anatolia sono dei perfetti esempi).