Il rapper Drake è meglio dei Beatles? Almeno a livello di singoli piazzati nella classifica Billboard americana sì. Il giovane artista canadese questa settimana è infatti presente nella chart dei singoli più venduti negli Stati Uniti con ben 14 canzoni differenti, un primato assoluto capace di mandare in frantumi persino il record precedentemente detenuto dai Fab Four.

Drake ha esordito al primo posto della classifica degli album più venduti negli USA con “If You’re Reading This It’s Too Late“, un disco uscito a sorpresa e senza campagna promozionale che tra l’altro lo stesso rapper non considera un album vero e proprio, quanto piuttosto un mixtape.

Non contento di aver venduto oltre 500.000 copie dell’album nella sola settimana di debutto, Drake ha letteralmente preso d’assalto anche la classifica dei singoli. Il rapper canadese 28enne è presente nella Billboard Hot 100 dei pezzi più forti negli Stati Uniti con 14 canzoni tratte dal suo ultimo lavoro. Un record che i Beatles detenevano dal lontano 1964 e a cui lo stesso Drake si era avvicinato nel 2013 con i brani presenti nel suo precedente album, “Nothing Was The Same”. Ai tempi si era limitato ad “appena” 12 pezzi presenti nella chart dei singoli. Non è finita qui, perché nella classifica dei brani di genere R&B/Hip-Hop della “Hot R&B/Hip-Hop songs chart”, Drake è presente addirittura con 21 canzoni.

Nonostante in Italia non sia ancora una stella di prima grandezza, Drake si conferma invece il fenomeno musicale del momento dall’altra parte dell’Oceano. Il canadese è amatissimo sia dagli appassionati di hip-hop che da quelli di sonorità pop e R&B e vanta una serie di collaborazioni con alcuni degli artisti più celebri in circolazione, da Kanye West a Rihanna, da Justin Bieber a Nicki Minaj.

Qui sotto, ecco il video di una delle più grandi hit di Drake, “Started from the Bottom”.