Quella che era nata come un’idea dal carattere social e fortemente puntata al divertimento e all’ironia è diventata un vero e proprio sogno per alcuni ragazzi che quest’estate sono arrivati ad esibirsi al Coca Cola Summer Festival. Loro sono Il Pagante, un gruppo nato da un’idea di Guglielmo Panzera e Alfredo Tomasi che nel 2010 hanno ideato una pagina Facebook dall’intento ironico-satirico incentrata su alcuni particolari e riconoscibilissimi atteggiamenti radicati nell’essenza del giovane ragazzo milanese, la figura per l’appunto del giovane “pagante” con tutte le sue sfaccettature, abitudini, usanze e soprattutto gergo.

Con l’uscita nel gennaio 2012 della prima canzone, Entro in Pass, caratterizzata da un video amatoriale, parodistico e sarcastico diventato virale in poche settimane, il gruppo de Il Pagante, formato dai tre vocalist Eddy Veerus, Roberta Branchini e Federica Napoli, ha ottenuto subito un riscontro notevole da parte dei giovani della cosiddetta “Milano bene”, suscitando nello spettatore diverse reazioni e facendo parlare di sé in tutte le scuole meneghine. Sono proprio lo “slang” e i costanti riferimenti a determinate zone e punti di ritrovo tipici dei giovani milanesi che hanno colpito de Il Pagante, capaci di rendere uno stereotipo di vita il vero e proprio protagonista della canzone. Ma è nel 2015 che arrivano le grandi soddisfazioni: con Vamonos, il loro ultimo singolo che ha scalato la classifica di iTunes raggiungendo la prima posizione, Il Pagante ha ottenuto anche la seconda posizione nella gara dei giovani  del Coca-Cola Summer Festival #DaiUnBacio esibendosi per ben due sere. Con oltre 10 milioni di visualizzazioni sul web e più di 100 live all’attivo Il Pagante non è considerato semplicemente un gruppo musicale ma una vera e propria categoria sociale.

Noi di Leonardo.it li abbiamo incontrati durante le prove della seconda serata del Coca Cola Summer Festival e li abbiamo intervistati per capire insieme a loro com’è nata l’idea che sta dietro alla fondazione del gruppo e di quanto secondo loro sono diventati importanti i social network ai nostri giorni.

Com’è nata l’idea di creare il gruppo?

L’idea è nata nel 2010 con la creazione della nostra fanpage che voleva ironizzare un po’ sul comportamento dei ragazzi di Milano. La pagina è molto caratteristica e specifica su una realtà geografica limitata ma col passare del tempo è diventata famosa un po’ ovunque e quando nel 2012 si sono aggiunte al nostro gruppo Roberta e Federica abbiamo dato il via al progetto musicale. La prima canzone, Entro in Pass, è uscita a gennaio 2012 ed è diventata virale sul web, così come Si Sboccia e Balza, i due singoli successivi. Dopo questi brani volevamo rendere ancora più serio il nostro progetto e abbiamo pubblicato nell’estate 2013 il nuovo pezzo, #Sbatti, seguita da Pettinero, la nostra canzone più famosa, che ci ha permesso di raggiungere i giovani di tutta Italia.

Proprio da questo momento è iniziata la vostra vera avventura discografica…

Esattamente. Dopo Pettinero abbiamo iniziato a lavorare con Warner. Con loro abbiamo prodotto due singoli, Faccio After e Vamonos. La seconda, appena uscita, punta ad essere la canzone dei giovani per tutta l’estate e descrive la classica vacanza di un ragazzo italiano in un’isola del Mediterraneo con tutte le situazioni tipiche che vanno dalla festa in spiaggia all’after in villa.

Voi siete nati sui social network. Quanto è importante la comunicazione attraverso questi mezzi?

I social giocano un ruolo fondamentale per il nostro concept fin da sempre. Potremmo anche dire che star dietro a tutti i social network è un vero e proprio lavoro. Bisogna monitorare i post, capire quali contenuti siano più indicati per gli utenti.

Voi che social network utilizzate maggiormente?

Noi usiamo molto Instagram, Facebook e Twitter anche se con quest’ultimo abbiamo un po’ più di difficoltà perché in Italia non è molto diffuso come in altri Paesi del mondo e poi perché le interazioni nascono dalle celebrities. Probabilmente per noi Facebook e Instagram sono più indicati per il tipo di messaggio che vogliamo comunicare.

Che linguaggio utilizzate sui social?

Noi fondamentalmente usiamo il gergo milanese ma perché è il tipo di linguaggio perfetto per descrivere il personaggio di cui noi vogliamo parlare, il ragazzotto milanese che vuol mostrarsi a modo suo trasgressivo.

Da cosa è determinato secondo voi il vostro successo?

Dalla capacità di far divertire i ragazzi. Noi gli diamo ciò che gli serve per divertirsi sia in termini di social network, sia in termini di musica. Noi gli diamo sia quello che vogliono vedere, sia quello che vogliono sentire.

Passare dai social network al palco di Piazza del Popolo che effetto fa?

In una piazza senti il calore vero e proprio della gente, il sostegno. C’erano tante persone che subito dopo le prove hanno voluto fare foto con noi, selfie da pubblicare su Facebook e che hanno cantato insieme a noi Vamonos. Sono emozioni forti che passano dal like sui social e che nella realtà diventano qualcosa di più grande e concreto.

Quest’estate i ragazzi de Il Pagante si esibiranno live in giro per l’Italia, ecco tutte le date e le location:

  • 01.07 Sol Levante – Cavi di Lavagna (Ge)
  • 04.07 Baia Imperiale – Riccione (Rn)
  • 18.07 Corte degli Angeli – Cerea (Vr)
  • 25.07 NoName – Desenzano del Garda (Bs)
  • 01.08 DiscoVillage – Follonica