Prende il via questa sera alle 22.55 su Rai2 “Il Musichione”,  il nuovo programma condotto e firmato da Elio e le Storie Tese.

Ospiti della prima puntata sono Pippo Baudo e il chitarrista Franco Cerri, mentre i cantanti Mietta e Nek saranno i primi concorrenti della trasmissione che si “sfideranno” per ottenere il miglior punteggio nel gioco tra le domande a risposta multipla, le manche, le prove pratiche e il “giocone” finale. Tutto alla presenza di un notaio. Ci saranno poi gli esperti e le ballerine. Eppure, il Muscihione,  non è un vero e proprio quiz.
Un programma che – strizzando l’occhio al  “Musichiere”, l’indimenticabile gioco musicale che la Rai mandò in onda dal 1957 al 1960 -  si propone di raccontare, con tono leggero e comico, la musica e i suoi interpreti.

“Il Musichione, con ospiti simpatici e canzoni/con giochi appassionanti e intelligenti/con sfide mozzafiato molto belle” sintetizzano Elio e le Storie Tese nella canzone che fa da sigla di testa del programma: una gara, dunque, che farà da fil rouge alla puntata per suscitare curiosità in quella parte di pubblico che vuole vedere come andrà a finire. Ma la vocazione di Elio e le Storie Tese alla divulgazione della musica – anche quella apparentemente meno popolare – troverà nella “scusa” del quiz un contesto più creativo, sempre per parlare del mondo delle sette note.

Perché i conduttori non si limiteranno a parlare di musica, ma la suoneranno anche, aggiungendo spettacolo allo spettacolo.
“Quella del quiz musicale – dicono gli autori – è una confezione riconoscibile dal pubblico, che permetterà a Elio e le Storie Tese di giocare con un linguaggio televisivo ben radicato nel nostro immaginario pop e con la “televisività” in generale”.