Grazie a Il medico di campagna il pubblico italiano ha modo di ritrovare François Cluzet, l’indimenticato protagonista del successo Quasi amici.

L’attore francese in questa pellicola firmata da Thomas Lilti veste i panni di Jean-Pierre, un medico di campagna molto amato dai suoi assistiti: con la sua presenza costante e l’empatia immediata verso i malati gli abitanti del paesino in cui esercita si sentono ascoltati e rassicurati, grazie al suo impegno costante, sette giorni su sette.

Jean-Pierre però scopre di essere malato a sua volta, e in suo soccorso arriva una donna, inviata dal medico che ha in cura il protagonista. Nathalie, questo il nome del personaggio interpretato da Marianne Denicourt (già vista in Sade e Me Without You), esercita da poco tempo e proprio per questo motivo è stata inviata per fare esperienza in campagna.

Il carattere rude di Jean-Pierre però provocherà una serie di contrasti, almeno all’inizio, ma il medico si renderà presto conto di dover trasmettere il proprio sapere, scoprendo di non essere insostituibile come si credeva.

Il precedente film del regista Lilti, Hippocrate, era un racconto di formazione ambientato in un ospedale. Non si tratta affatto di un caso o di un’ossessione del cineasta, ma del ricorso alla sua esperienza: prima di passare dietro la macchina da presa l’autore de Il medico di campagna esercitava infatti proprio questa professione.

È così che ha potuto riflettere sull’importanza di questa figura poco raccontata dal mondo del cinema: “A causa dell’abbandono delle campagne, è una professionalità che purtroppo tende a scomparire. Di conseguenza, il medico di campagna è più che mai percepito come un eroe positivo. Incarna un ruolo sociale tra i più importanti, è colui che assicura la comunicazione tra le generazioni e lotta contro l’isolamento e la solitudine dei suoi pazienti. Quello che mi stava a cuore facendo questo film era rendere omaggio a un mestiere di cui ho compreso a fondo l’importanza quando da giovane medico facevo delle sostituzioni in Normandia o nelle Cevenne.”

Nella clip in esclusiva per Leonardo.it de Il medico di campagna, in uscita il 22 dicembre, assistiamo a un singolare attacco delle oche ai danni della protagonista, la quale si deciderà a chiedere spiegazioni del comportamento brusco del suo mentore.