Slitta di qualche mese l’uscita della terza trasposizione cinematografica del romanzo Il Grande Gatsby, prevista inizialmente per Natale di quest’anno.

Bisognerà invece attendere il 2013 per vedere nelle sale il film diretto da Baz Luhrmann. La data è ancora da definire. Niente regalo di Natale, dunque, per i fan e per coloro che stavano attendendo il terzo dei film improntati sul romanzo. Il primo “Il Grande Gatsby” è uscito nel 1926 in una versione muta andata perduta. Successivamente una seconda versione è stata rilasciata nel 1949. Nel 1974 il romanzo di Fitzgerald è tornato nuovamente al cinema, per la regia di Jack Clayton.

La prossima edizione cinematografica del capolavoro di Francis Scott Fitzgerald (definito da T.S. Eliot come il primo passo in avanti fatto dalla narrativa americana dopo Henry James) vanta un cast di tutto rispetto: protagonisti saranno Leonardo Di Caprio, Carey Mulligan e Tobey Maguire.

Vale la pena attendere? Con ogni probabilità la risposta è “si”, poiché le premesse per un grande successo ci sono tutte.

La storia, raccontata da uno dei personaggi come Henry James insegnava, ruota intorno alla narrazione della tragedia del mito americano che aveva retto il paese dai tempi dello sbarco a Plymouth Rock e può essere considerata l’autobiografia spirituale di Fitzgerald che, ad un certo punto della sua vita, chiuso con l’alcolismo e con la vita da playboy, vuole capire quali erano stati gli ostacoli che avevano inabissato la sua esistenza.