Il Festival di Sanremo non andrà più in onda dal Teatro Ariston, la notizia potrebbe sconvolgere gli amanti del Festival della Canzone Italiana che perderebbero il luogo e il palco simbolo della manifestazione. Tranquilli, il cambio non sarà repentino ma questo trasloco è uno degli obiettivi di un prossimo futuro. In una lunga intervista a La Stampa il direttore di Rai 1 Andrea Fabiano ha detto:  “L’Eurovision è un grande show, anche un modello per Sanremo, che nei prossimi anni si dovrà avvicinare a questo livello di spettacolo. La città di Sanremo è d’accordo sull’idea di spostare la manifestazione in un luogo più ampio. Ci arriveremo. Magari non l’anno prossimo, ma è il futuro”.

La missione della Rai in Ucraina per Eurovision Song Contest 2017, che ha visto la partecipazione di molti personaggi di spicco della dirigenza, pare avesse due obiettivi: sostenere il portabandiera Francesco Gabbani e osservare da vicino la macchina produttiva dello show musicale che conta 200milioni di telespettatori al mondo come conferma il direttore di Rai Uno “L’esperienza a Kiev e alle prossime edizioni di Eurovision sarà sicuramente fonte d’ispirazione per apportare miglioramenti al Festival Italiano”.

Il Teatro Ariston di Sanremo è stato il palco del Festival dal 1977 eccezion fatta per il 1990 in cui lo spettacolo è andato in scena al Pala Fiori ma in un prossimo futuro potrebbe essere solo un vecchio ricordo. La paura che il palco dell’Ariston fa e ha fatto a tutti gli artisti che lo hanno calcato sicuramente non sparirà, anche se il Festival di Sanremo traslocherà in sedi nuove.

Il futuro del Festival ora potrebbe prevedere degli spazi più ampi e forse gli studios televisivi di Roma abbatterebbero anche i costi di produzioni del Festival e degli eventi collaterali ma in nome del budget ha senso snaturare un prodotto che è parte della cultura nazionalpopolare del nostro Paese?

Sanremo è Sanremo, con l’Ariston.