Il best seller mondiale di Jonas Jonasson, Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, edito nel 2009 con 6 milioni di copie vendute in tutto il mondo, 200 mila in Italia, quest’anno diventa un film e arriverà nelle sale italiane il prossimo 24 aprile distribuito da Eagle Pictures.

Il film è già stato campione d’incassi durante lo scorso Capodanno scandinavo totalizzando 4 milioni di euro in cinque giorni. La più grande apertura, per biglietti venduti, nella storia del cinema svedese per la commedia più costosa, 7 milioni di euro, mai realizzata.

Diretta da Felix Herngren, la pellicola racconta le vicende del “secolare” Allan Karlsson, uno strambo vecchietto che dopo una lunga e intensa via, finisce in una casa di cura. Proprio pochi giorni prima di spegnere la centesima candelina, evento cui Allan non sembra minimamente interessato, l’uomo decide di sfuggire una volta per tutte dalla tediosa vita quotidiana. Così fugge via da una finestrae si ritrova in una serie di situazioni comiche e totalmente inattese, tra cui l’incontro con una gang di criminali, omicidi, una valigia piena di bigliettoni, un elefante e un poliziotto incompetente.

Per chiunque altro sarebbe stata l’avventura di una vita, ma per Allan, è semplicemente vita quotidiana. Infatti Allan, nel corso della sua lunga vita, non solo ha assistito ad alcuni degli eventi più importanti del XIX secolo, ma in questi ha giocato anche un ruolo di prim’ordine, dando un contributo fondamentale all’invenzione della bomba atomica, oppure diventando amico intimo dei presidenti americani e dei gerarchi russi. Per cento anni, in realtà, Allan Karlsson ha percorso il mondo in lungo e in largo, e adesso è di nuovo a piede libero.