Avviso ai naviganti. Il 28 maggio 2013 al Politecnico di Milano in via Durando 10 si terrà la presentazione della Ricerca “I 10 anni che hanno rivoluzionato la TV”. Il tema è chiaro: La rivoluzione del mercato televisivo alla luce dei nuovi modelli di consumo e fruizione, delle innovazioni tecnologiche e delle contaminazioni con il web. Lo studio, è stato realizzato da Politecnico Milano, Dipartimento di Design e Studio Frasi.

Ne discuteremo con:
Federico Di Chio  – Direttore Operativo Tv Digitale Mediaset
Paolo Agostinelli – Vice President Partner Channels, PPV & VOD Sky Italia
Marinella Soldi – Amministratore Delegato  Discovery Italia
Carlo Freccero – Direttore  Rai 4
Stefano Balassone – Manager Media, docente di comunicazione e blogger

Introdurrà il convegno Giovanni Baule – Ordinario di Disegno Industriale, Politecnico di Milano e presenterà lo studio Francesco Siliato – Ricercatore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi Politecnico di Milano. Attraverso l’elaborazione dei dati della domanda e dell’offerta – audience, piattaforme, programmi – lo studio offre un’analisi quali-quantitativa del percorso evolutivo del media televisivo, dal punto di vista del mercato e dei consumi, sempre più guidati dalla centralità dell’utente e dalla sua esigenza di visione personalizzata, in termini di tempi e contenuti. In questo scenario, la ricerca individua nuove modalità di misurazione, per creare classifiche in grado di valorizzare appieno le scelte dei pubblici.

I protagonisti del settore, infine, saranno chiamati a condividere le proprie esperienze e a confrontarsi sul presente e sul futuro del mercato in Italia, valorizzando  il ruolo della televisione quale centro degli interessi del pubblico e degli investitori.

Sarà possibile seguire il convegno in diretta su Twitter attraverso l’hashtag #10AnnidiTV. Il live twitting dal convegno del 28 maggio è curato da Leonardo.it su @NewsLeonardo e non solo! Presenti Silvio De Rossi e Valentina Biffi che twitteranno live il meglio del convegno. State con noi!


//

photo credit: Funky64 (www.lucarossato.com) via photopin cc