Sale la febbre degli Hunger Games, che il 20 novembre in Italia verrà placata dall’uscita di Il canto della rivolta – Parte 1, penultimo capitolo della saga cinematografica che ha ereditato ed esteso il consenso giovanile già conquistato da fenomeni come Harry Potter e Twilight.

In effetti i film tratti dalla trilogia di romanzi di Suzanne Collins (che solo in America ha venduto qualcosa come 65 milioni di copie) hanno saputo parlare sia agli adolescenti che agli adulti, così come le pellicole hanno ricevuto un apprezzamento critico piuttosto vasto, cosa non sempre verificatasi in casi del genere.

Ritorneremo dunque ad assistere alla coraggiosa ribellione di Katniss Everdeen, l’eroina recalcitrante di Panem interpretata da Jennifer Lawrence, la cui carriera è stata definitivamente lanciata proprio dopo aver vestito i panni della protagonista.

L’attrice premio Oscar di American Hustle e Il lato positivo recentemente è stata al centro di un brutto caso di invasione della privacy, con la pubblicazione di alcune foto intime in cui si mostrava senza veli. La Lawrence ha paragonato l’avvenuto a un vero e proprio reato sessuale, ribadendo di non essere affatto pentita del contenuto delle immagini, del tutto legittime e che sarebbero dovuto rimanere un affare rigorosamente privato.

Nel film diretto ancora da Francis Lawrence Katniss arriva finalmente al Distretto 13, dopo essere riuscita a distruggere i famigerati giochi una volte per tutte. La Presidente Coin (Julianne Moore) cerca di convincerla ad accettare il suo ruolo alla testa della rivolta, ma la ragazza è ancora dubbiosa, in quanto l’amato Peeta (Josh Hutcherson) si trova nelle grinfie del Presidente Snow (Donald Sutherland), che pare avergli fatto il lavaggio del cervello.

Foto: ufficio stampa