Un festival internazionale in Italia: così si può definire la sesta edizione di Home Festival che si chiude oggi a Treviso. Home festival è riuscito a rendere meno provincia la provincia in una internazionalizzazione che ha portato in città 100mila persone. Un festival fondato da Amedeo Lombardi che con Andrea Zanata firma la direzione artistica è riuscito a divertire il pubblico accorso con ospiti internazionali come il dj e producer Paul Kalkbrenner e i Franz Ferdinand and Sparks.

Sul palco trevigiano anche i migliori rapper nazionali da J-Ax a Fedez passando per Marracash hanno portato la loro musica in Home Festival. I Subsonica immancabile presenza hanno animato la serata di venerdì mentre ai Negrita è stata affidata la chiusura di domenica. Non sono mancanti eventi sportivi come la moohrun color edition una non competitiva di 8 km all’insegna del divertimento e del colore. Quest’ultimo è stato protagonista anche della serata di sabato con la color splash e di domenica pomeriggio con Holi il festival dei colori.

Home festival si conferma come il vero festival internazionale in Italia che strizza l’occhio a Szigest e Coachella attirando un pubblico ad ampio target che ha voglia di divertirsi in un paese dei balocchi temporaneo. Sono stati più di 140 gli show prodotti in quattro giorni di Home festival, un organizzazione collaudata che ha visto schierati insieme alla produzione, decine di sponsor, 500 volontari e centinaia di giornalisti e reporter accreditati. Lo stesso founder Amedeo Lombardi ammette: “Abbiamo registrato un numero di presenze superiore alle aspettative. L’anno prossimo l’Europa dei Festival inizierà sul serio a guardare a Treviso, siamo determinati ad alzare l’asticella ancora”.

Nel corso delle serate c’è stato anche il tempo per qualche critica verso i colleghi rapper e gli indie blogger come quella lanciata proprio dal palco di Home Festival da J-Ax. Ecco il video

C’eravamo anche noi di Leonardo.it  per il secondo anno consecutivo e la sensazione di tornare a casa c’è stata per questo progetto tutto italiano che è partito con umiltà e perseveranza che ha varcato i confini nazionali diventato uno degli appuntamenti di riferimento. Tornare a casa è la filosofia di questo festival che ti coinvolge come in una festa domestica aperta a 30mila persone ogni sera in un turbine di emozioni e positività che lascia, anche a chi al Festival ci torna ogni anno per lavoro, la voglia di tornare e l’attesa dell’edizione che verrà. Giovani, famiglie e persone di ogni età si sono divertiti in questo paese dei balocchi e hanno reso un successo l’edizione 2015 di Home Festival.