Tra serate di pioggia e fango e altre in cui la luna piena illuminava il villaggio circense di Home Festival si è conclusa l’edizione 2014 del festival della zona dogana di Treviso.

Tantissimi i biglietti venduti in prevendita e ai botteghini per assistere a decine di concerti, djset e performance di ogni genere per un week end di musica e festa.

Il tutto è iniziato nel tardo pomeriggio di giovedì … della prima notte di Home Festival ricordiamo alcune immagini. La prima è dedicata all’area: completamente ristrutturata e rinnovata, con l’ingresso modificato e resa divertente dallo speciale parco gioch i con le enormi giostre che attireranno le famiglie nel fine settimana. La seconda è quella dell’arrivo di Marky Ramone, scortato in conferenza stampa da Dj  Ringo e Andrea Rock per presentare la Ramones Celebration, il più importante momento a livello europeo di questo genere per il 2014. “Eventi di questo genere aiutano la socializzazione tra le persone, Treviso è fortunata”. La terza è quella di Morgan, sul palco coi suoi Bluvertigo di fronte ai fan impazziti che cantavano le sue storiche hit a squarciagola.

Venerdì grande attesa per gli Afterhours, ovviamente. Ma per la musica il 5 settembre sarà ricordato per qualcosa di importate e unico, qualcosa che capita solo all’Home: Pierò Pelù duetterà in un paio di canzoni con Marky Ramone per  l’evento europeo del 2014 per la celebrazione dei 40 anni dalla formazione dei Ramones, con la straordinaria presenza di Marky Ramone e in collaborazione con il RAMONES MUSEUM di Berlino

Sabato sera da registrare la performance dei The Chainsmokers per la prima volta in Italia, il “Colors splash party”, un mix di effettistica colorata tra Co2, fuochi, coriandoli e tanto, tanto colore che è stato lanciato addosso al pubblico danzante. La spettacolarità di ballerine, circensi, effetti e colori hanno reso la chiusura della serata un vera e proprio mega-party. Leggendaria anche l’esibizione di The Bloody Beetroots che da “padroni di casa” hanno salutato il pubblico in delirio.

Domenica la giornata di chiusura del festival, con Elio e le storie Tese con “EelST Neverending Tour 2014” che hanno fatto ballare e cantare più di 60mila persone e poi il turno di molti gruppi rock, The Bluebeaters, Rezophonic, Selton, Talco, The Bastard sons of dioniso.  Le danze finali e l’arrivederci al 2015 in musica con il live de La Pegatina. 

Un grande Festival che ha saputo richiamare, come nelle precedenti edizioni, tutte le generazioni mosse dalla voglia di buona musica e di festa. L’Home Festival è sempre più internazionale, vuole proseguire il suo percorso verso i modelli dei più importanti festival europei, ecco che da quest’anno ha cercato di fare un altro passo verso questo obiettivo, con ospiti ed eventi di rilevanza internazionale. Un altro passo è stato ampliare i generi musicali che ospita, differenziare le scelte per accogliere tutti gli amanti della musica italiana e internazionale che vogliono meravigliarsi e divertirsi per quatto giorni di fila, salutando in una maniera unica l’estate 2014.

Home Festival va a posizionarsi tra i Festival più internazionali in Italia e continua a essere legato al suo territorio.

Photo Credit: Davide Carrer per HomeFestival