Ci risiamo: Grey’s Anatomy si rimette in carreggiata e dopo una serie di episodi relativamente di calma piatta decide che è ora di dare una scossa con una bella tragedia collettiva.

E così, dopo morti commoventi e strappalacrime , disastri marittimi, bombe, sparatorie di massa, incidenti aerei, scenario in cui matrimoni saltati e apparenti annegamenti non sono che la normale routine, Grey’s Anatomy, nella persona di Shonda Rhymes, terribile sceneggiatrice della serie, torna a colpire.

E cosa mancava a questo quadretto di tragedie, se non un terremoto? Secondo le indiscrezioni, nell’episodio 9×19 che andrà in onda in Usa tra diverse settimane, un disastroso terremoto colpirà Seattle, i suoi abitanti e, ovviamente, il Seattle Grace con tutti i suoi medici.

Dagli spoiler non ci è lasciato intendere se a perire saranno ancora una volta i protagonisti, visto che almeno un paio a stagione ci lasciano nel peggiore dei modi, oppure se l’atmosfera di distruzione arriverà all’ospedale solo come mero riflesso, attraverso le storie dei pazienti.

Quello che è certo è che ci saranno un parto d’emergenza, dove per emergenza si intende uno stato di allerta e la catastrofe intorno.

La buona notizia? Sempre che possa essere considerata tale, l’episodio 9×19 non è l’ultimo della stagione: in pratica probabilmente lo show non culminerà, come da nove anni a questa parte, con una tragedia, ma la condenserà un paio di episodio prima del gran finale.

E meno male che Shonda Rhymes aveva giurato che non avrebbe più tormentato i protagonisti di Grey’s Anatomy!

Che, dal canto loro, cominciano a dissociarsi da quanto sono costretti a vivere e a recitare nel serial. In una delle interviste rilasciate da Ellen Pompeo e Patrick Dempsey prima dell’inizio della nona stagione, entrambi ammettevano di non capire più il perché di queste assurde tragedie abbattute sui dottori del Seattle Grace e di non riconoscersi più nei loro protagonisti.

E se lo dicono Meredith e Dereck…