Nuovi addii in Grey’s Anatomy: anche l’attrice Sandra Oh molla la nave e lascia lo show dopo più di sette anni.

Fare la conta di chi è rimasto in Grey’s Anatomy significa, in pratica, fare la conta dei morti. Chi ci ha abbandonato in questi anni di tragedie, esplosioni, deragliamenti, trombe d’aria, tempeste, incidenti aerei? Forse sarebbe meglio partire da chi è rimasto dal 2005, anno d’inizio dello show: Patrick Dempsey, Ellen Pompeo, Sandra Oh, Justin Chambers, Chandra Wilson e James Pickens JR. In pratica gli irriducibili, quelli che abbiamo imparato a conoscere sin dalla prima – riuscitissima – stagione della creatura di Shonda Rhimes (di cui vi consiglio caldamente Scandal - meno tragedie e più intrighi) sono solo sei, mentre tutti gli altri hanno abbandonato la nave.

Nello show questo si è tradotto in morti molto dolorose (io stessa non ho ancora superato quella di George O’Malley e di Lexi dopo l’incidente aereo) o in addii tragici. Ma, mentre qualcuno ha deciso di rimanere sul piccolo schermo, partecipando a nuove produzioni, lontanissime dalle atmosfere del Seattle Grace (è il caso del dottor Bollore Eric Dane, che vedremo presto in Last Ship), altri decidono di porre fine all’avventura in camice bianco più per una questione psicologica che logica.

Ed ecco che, proprio nei giorni scorsi, anche Sandra Oh, nei nostri cuori l’indimenticabile Cristina Yang, ha deciso di abbandonare lo show. Lo ha fatto con un’intervista esclusiva all’Hollywood Reporter: “Mi sono sottoposta a diverse sedute terapeutiche perché dovevo preparare me stessa a questo cambiamento, mi sono data due anni di tempo per affrontare la cosa – ha spiegato l’attrice - Cristina vuole andarsene e io sono pronta a lasciarla andare. Adesso bisogna capire insieme agli autori le motivazioni che porteranno alla sua partenza“.

Ma ha senso continuare la trafila di uno show che sta perdendo lentamente tutti i pezzi che gli avevano regalato il successo? Shonda Rhimes si dice troppo affezionata al cast e alla sua creatura per porvi fine e gli irriducibili Dempsey e Pompeo, chiaramente oscurati dai loro personaggi, sembrano non riuscire a liberarsi dalle catene di Grey’s Anatomy (ma non dimentichiamo anche i loro cachet ormai stellari, cui è difficile rinunciare).

E voi, seguite ancora le avventure dei medici più sfigati dell’universo?