Il cinema e in particolar modo il Festival di Venezia, in programma dal 29 agosto all’otto settembre, apre alle tematiche ambientali. La sessantanovesima edizione della cambiamenti climatici, il Festival di Venezia si apre alle tematiche ambientali: la 69° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia presenta, tra le varie novità, il Green Drop Award.

L’annuncio arriva dall’associazione Green Cross Italia, di concerto con il Comune di Venezia, enti che hanno organizzato il premio, anche in virtù del patrocinio del Ministero dell’Ambiente. 18 sono i film che prenderanno parte alla sezione in concorso. A giudicarli sarà una giuria d’eccezione, composta dal Leone d’Oro alla Carriera Ermanno Olmi, il quale la presiederà.

La pellicola vittoriosa sarà quella che meglio ha interpretato i valori dell’ecologia e della sostenibilità, prestando particolar interesse nei confronti della conservazione del Pianeta e dei suoi spazi. Un valore e un interesse che giova non solo alle generazioni presenti, bensì anche a quelle future.

Il cinema, pertanto, diventa un monito per “modificare” il proprio stile di vita, in favore della conservazione sana degli ecosistemi che ci circondano. Spiega Elio Pacilio, presidente di Green Cross Italia:

«Abbiamo individuato la Mostra del Cinema di Venezia come naturale sede di un premio cinematografico dedicato all’ecologia, in considerazione della preminente valenza ambientale della città stessa e del suo meraviglioso quanto fragile ecosistema».