Uno dei film cult per tutti coloro che sono stati adolescenti duranti gli anni ’80, I Goonies, compie 30 anni.

Il 7 giugno del 1985 usciva infatti nelle sale cinematografiche americane un piccolo film prodotto dalla Warner Bros e diretto da Richard Donner che avrebbe marchiato a fuoco l’infanzia di tanti ragazzi, diventando un importane punto di riferimento. A decretare il successo della pellicola è stato sopratutto il lavoro di collaborazione tra il regista e lo sceneggiatore Chris Columbus.

Se il primo si sarebbe distinto negli anni come autore di opere fortunate come Superman, Il presagio, Giocattolo a ore, Arma letale e S.O.S. Fantasmi, il secondo avrebbe prodotto script importanti per il cinema d’infanzia come Gremlins (di cui è in arrivo il remake) e Piramide di paura e diretto classici quali Mamma, ho perso l’aereo e relativo seguito, Mrs. Doubtfire e i primi due capitoli della saga di Harry Potter.

La storia de I Goonies è quella di un gruppo di teenager annoiati dalla quotidianità di una cittadina di provincia come tante, che farebbero di tutto per vivere un’avventura vera. L’occasione si presenta grazie al ritrovamento fortuito di una mappa del tesoro appartenuta al celebre pirata Willy l’Orbo. Il denaro d’altro canto servirebbe disperatamente alle famiglie dei ragazzi, che tra poco saranno costrette ad abbandonare la cittadini dopo che i terreni su cui sorgono le loro case sono stati comprati da due imprenditori che vogliono costruirvi dei campi da golf.

L’avventurosa ricerca del tesoro dovrà fare i conti con l’evasione di prigione di uno dei membri della banda Fratelli, i villain del film che sono venuti a conoscenza dell’esistenza del malloppo. Tra questi anche l’indimenticabile Sloth, il fratello deforme della famiglia, che farà amicizia con il ragazzo cicciottello del gruppo di ragazza de I Goonies.

Tra i tanti attori del cast divenuti celebri in seguito all’uscita del film non si può non segnalare Sean Astin, nei panni del protagonista Mikey, poi rivisto ne Il signore degli anelli come Sam, un giovanissimo Josh Brolin, lo sfortunato Corey Feldman, che dopo il successo di Stand by Me cadde nel baratro della dipendenza dagli stupefacenti, il caratterista Robert Davi e Mary Ellen Trainor, nei panni della madre di Mikey, scomparsa purtroppo proprio ieri.