Arriverà il 25 febbraio nelle sale italiane il nuovo film di Alex Proyas, Gods of Egypt, una adrenalinica revisione della mitologia dell’antico Egitto secondo gli stilemi del cinema fantasy contemporaneo.

Il cineasta, già autore di pellicole cult come Il corvo e Io, robot, ha dichiarato di aver voluto costruire una storia eccitante, dinamica e divertente in un mondo del tutto irreale, che solo superficialmente si ispira a quello della religione degli egizi: “Ci siamo ispirati a quella mitologia, ma non abbiamo fatto nessuno sforzo per mantenere una qualche verosimiglianza storica, perché sarebbe stato del tutto inutile – nessuno degli eventi nel film è davvero accaduto”.

La storia dunque si concentra sullo scontro ad alto tasso di effetti speciali che oppone Set, il dio delle tenebre (interpretato da Gerard Butler, in un ruolo che ricorda in qualche modo 300) e Horus, dio della luce (che ha le fattezze di Nikolaj Coster-Waldau, tra i protagonisti d Game of Thrones), per il controllo del trono.

La loro lotta fa sprofondare nel caos l’impero, una volta prospero e felice, almeno fino a che Set non guadagna il vantaggio sconfiggendo ed esiliando Horus Il genere umano si trova così in grande pericolo, ma c’è una speranza, rappresentata dall’alleanza tra un eroe improvvisato, Bek (l’attore australiano Brenton Thwaites visto in Oculus) che chiede aiuto ad Horus, inizialmente recalcitrante a farsi coinvolgere in una nuova battaglia.

Nel cast di Gods of Egypt anche Elodie Yung (prossimamente nella seconda stagione di Daredevil nei panni di Elektra), la modella Courtney Eaton vista in Mad Max Fury Road, Chadwick Boseman, Rufus Sewell e il premio Oscar Goeffrey Rush, noto in Italia come protagonista de La migliore offerta di Giuseppe Tornatore.

Nella prima clip italiana della pellicola vediamo Horus chiedere aiuto a un altro degli dei del pantheon egizio, che però si rivela essere ben poco disponibile a farsi coinvolgere in una guerra nella quale ha molto da perdere.