L’attesa serie tv The Girlfriend Experience arriva anche in Italia, trasmessa in contemporanea con gli Stati Uniti (dove andrà in onda su Starz). L’appuntamento è fissato per l’11 aprile, giorno in cui tutti i tredici episodi della prima stagione saranno a disposizione (in esclusiva) su Infinity, anche in lingua originale e in Super HD. Un gran bel colpo per il servizio di video streaming on-demand, che ha intenzione di farsi valere sul mercato cercando di essere sempre più competitivo.
Intanto vi diciamo che le 5 cose che dovete assolutamente sapere di questa nuova serie tv.

Ha una trama piccante. Protagonista è Christine Reade, una studentessa di legge all’Università di Chicago alle prese con il praticantato in un prestigioso studio legale. La sua quotidianità procede tranquilla e senza grandi emozioni, finché una sua collega di studi di nome Avery Suhr le fa conoscere il mondo delle escort di lusso e, attratta dall’idea di guadagnare tanti soldi in poco tempo, decide di entrare a far parte di un servizio di accompagnatrici chiamato Girlfriend Experience. Inizierà così ad avere una doppia vita.

La sua protagonista è già nota. A vestire i panni di Christine è Riley Keough, modella che ha posato per maison del calibro di Tommy Hilfiger, Dolce & Gabbana, Christian Dior e Miu Miu, ma anche attrice vista in film di successo come Magic Mike e Mad Max: Fury Road. Una curiosità: è figlia di Lisa Marie Presley e quindi nipote del mitico Elvis.

Il cast non è male. Oltre a Riley Keough troviamo anche Paul Sparks (già visto in House of Cards), Mary Lynn Rajskub (nota per la serie tv 24), Kate Lyn Sheil (anche lei da House of Cards) ed Amy Seimetz (vista in The Killing).

È ispirato all’omonimo film. The Girlfriend Experience è ispirata all’omonimo film di Steven Soderbergh (datato 2009), che era interpretato da Sasha Grey. Il regista, nella serie compare solo come produttore esecutivo, sottolinea però che il film è solo un punto di partenza e che la trama (e non solo) prenderà poi una piega diversa.

I registi sono degli indipendenti. Per dirigere la serie sono stati scelti i registi indipendenti Lodge Kerrigan e Amy Seimetz, che hanno voluto subito dare il loro tocco scegliendo, per esempio, di fare la maggior parte di riprese in esterna per sfruttare al massimo la luce naturale e ricreare un effetto realistico.