È tutto pronto per il concertone di Vasco Rossi che si terrà il prossimo 1° luglio a Modena: attesi migliaia di fans per una serata di grande musica e divertimento. Proprio per questo motivo, il senatore modenese Carlo Giovanardi ha chiesto a gran voce che, in occasione del concerto della rockstar, vengano eseguiti controlli a tappeto soprattutto dalle sezioni anti-droga delle forze dell’ordine. “Devono essere prese misure radicali e straordinarie con attività investigativa preventiva al fine di impedire l’arrivo di spacciatori e successivamente diventa necessaria la presenza capillare dei reparti antidroga dei caschi verdi della Finanza e dei Carabinieri che impediscano, anche con l’aiuto di unità cinofila, l’entrata di droga nell’area interessata dal concerto” ha dichiarato.

Vasco Rossi in concerto a Modena il 1° luglio

Giovanardi, dunque, ha paura che il concerto di Vasco Rossi a Modena possa trasformarsi in una piazza di spaccio. Suo obiettivo è quello, non tanto di contrastare durante lo show l’uso (eventuale) dello stupefacente, quanto quello di inibire l’ingresso della droga nella struttura allontanando (eventuali) spacciatori.

E non è finita qui: il senatore ha chiesto “altrettanta attenzione alla proibizione dell’uso di alcol, non soltanto impedendone l’entrata nell’area del concerto ma anche la vendita da asporto su tutto il territorio comunale” proprio per quella giornata.