Nel 2005 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha creato il Giorno della Memoria come ricorrenza per celebrare il ricordo – da mantenere imperituro – degli orrori dell’Olocausto.

La data prescelta per la giornata di commemorazione fu il 27 gennaio, per ricordare lo stesso giorno del 1945 in cui la truppe sovietiche entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz scoprendo l’inumana condizione in cui erano stati costretti i prigionieri dai nazisti.

Anche il cinema, in quanto medium narrativo atto a preservare la storia dall’oblio, contribuisce a suo modo al Giorno della Memoria. Sono due infatti le pellicole che verranno proiettate nelle sale italiane come evento speciale per l’occasione.

La prima è Corri ragazzo corri, film distribuito da Lucky Red. L’opera diretta da Pepe Danquart (premio Oscar per il miglior cortometraggio grazie a Schwarzfahrer – Black Rider) è tratta dal romanzo omonimo di Uri Orlev, che racconta la vicenda realmente accaduta a Yoram Friedman.

Durante i rastrellamenti dei nazisti il piccolo Srullik riesce a fuggire dal ghetto di Varsavia fingendosi un orfano polacco, ma non prima di aver promesso per sempre a suo padre di sopravvivere mantenendo la propria identità ebraica.

Costretto a nascondersi nei boschi con il nome fittizio di Jurek, il bambino verrà anche accolto da una donna che per proteggerlo gli chiederà di assimilare usi e costumi cattolici: in questo modo però Srullik verrebbe meno a quanto giurato al padre.

Il film verrà proiettato il 26, 27 e 28 gennaio.

L’altro film che darà il proprio contributo al Giorno della Memoria è invece un documentario, L’Uomo per bene. Le lettere segrete di Heinrich Himmler.

Il progetto della regista Vanessa Lapa consiste nel recupero del materiale documentario dell’epoca nazista sulla suggestione del ritrovamento dell’intero archivio appartenuto a Heinrich Himmler, l’architetto della terrificante Soluzione Finale che avrebbe dato il via all’Olocausto.

Sulle immagini della Germania nazista prima e durante la Seconda Guerra Mondiale vengono lette le missive private che raccontano di un uomo rispettato dalla società e amato dalla sua famiglia, un uomo che però avrebbe contribuito a uno dei peggiori genocidi della storia.

Il film sarà al cinema il 27 e 28 gennaio.

Foto: Lucky Red