Giorgio Panariello, ospite di “Verissimo”, il salotto pomeridiano di Canale 5 condotto da Silvia Toffanin, ha svelato alcuni aspetti inediti della sua vita privata. Lo conosciamo come un bravissimo attore, sempre sorridente, ironico e soprattutto amatissimo dal pubblico italiano. E, invece, anche Giorgio Panariello ha dovuto superare momenti difficili che lo hanno certamente segnato ma che lo hanno reso l’uomo che è oggi.

L’attore toscano ha risposto alle domande della conduttrice, di Silvia Toffanin, padrona di casa di “Verissimo” soffermandosi soprattutto sulla sua infanzia, su quello che ha dovuto sopportare. Queste le sue parole:

Mio padre non l’ho mai conosciuto e mia madre mi aveva affidato ai nonni. Loro mi hanno salvato dalla sofferenza.

In realtà, spiega lui, grazie ai nonni non ha avuto una brutta infanzia:

La mia non è stata difficile, i nonni materni sono stati degli ottimi genitori.

Giorgio Panariello, dunque, non solo non ha mai incontrato il padre ma non saprebbe nemmeno chi sia. E c’è di più: non avrebbe mai provato rancore nei confronti del padre grazie all’amore di nonna Bona e di nonno Raffaele che non gli hanno mai fatto mancare nulla. Sono stati loro i suoi veri genitori, quelli che lo hanno cresciuto ed educato.