Rocìo Munoz Morales e Anna Tatangelo: ecco le fidanzate più ambite di Sanremo che ieri erano ospiti all’Arena di Massimo Giletti. Due protagoniste del Festival che però non hanno avuto la stessa accoglienza al programma domenicale. La bella compagna di Gigi D’Alessio è stata presentata in maniera già poco elegante con un video di uno spogliarello, un video dalle allusioni abbastanza esplicite. In seguito Anna nell’intervista è stata definita perennemente la fautrice delle solite vecchie polemiche essendo additata, ancora una volte, come “rovinafamiglie”.

Diametralmente opposto l’atteggiamento riservato a Rocìo, osannata da Giletti per l’impegno prodigato nel corso della sua vita e per una bellezza conquistabile solo da uno come Roul Bova: “Io non ho speranze con te rispetto a quel signore lì”. Il momento di tensione emotiva più alta non poteva che concludersi con le lacrime di commozione della modella, addirittura asciugate con il fazzolettino dallo stesso presentatore. Sulle note dell’ultima canzone di Mengoni, Rocìo si sfoga così:

“Quella persona là è un guerriero e io spero di essere la sua guerriera e questa canzone lo dice. Oggi conosco l’amore dopo aver sbagliato tanto in passato. Il bello è che ognuno sia se stesso. Sono una persona paziente che crede nelle cose fatte bene. Sono stata sicura della strada che volevo prendere. Mi impegno ogni giorno, credo nello sforzo, nella professionalità, nella serietà”.

Giletti conclude con un elogio al presentatore di Sanremo Carlo Conti che, dati alla mano, non solo ha fatto numeri importanti a livello di share, ma è riuscito a condurre un Festival senza apportare critiche inutili. Critiche che invece ha attirato su di sè solo Anna Tatangelo, la cantante che mai come questa volta si è invece palesemente contraddistinta per eleganza e voce.