Doppia tegola giudiziaria per Gigi D’Alessio. Il cantante neomelodico è indagato per una maxi evasione fiscale da un milione di euro, ma non è finita qui, perché adesso rischia anche il processo per la presunta aggressione di alcuni paparazzi avvenuta anni fa.

Per quanto riguarda la prima vicenda, la guardia di finanza la scorsa settimana ha effettuato una perquisizione nella villa dell’Olgiata di Gigi D’Alessio. Stando ai primi accertamenti effettuati da parte della finanza, sembra che il cantante possa aver evaso le tasse per una cifra intorno a un milione di euro. Le fasi delle indagini comunque sono ancora all’inizio e quindi la sua eventuale colpa è ancora tutta da verificare. Le indagini condotte dal pubblico ministero Francesco Saverio Musolino riguardano anche il presunto occultamento o la distruzione di documenti contabili.

Gigi D’Alessio è solo uno dei tanti nomi celebri coinvolti nell’inchiesta per evasione fiscale del pm Musolino. Indagati dalla procura di Roma per presunti reati fiscali ci sarebbero infatti anche l’attore Raoul Bova, il calciatore Antonio Cassano, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, l’ex pornostar Eva Henger e la conduttrice nonché compagna di Gigi Buffon Ilaria D’Amico.

Non si tratta però dell’unica accusa con cui Gigi D’Alessio deve fare i conti in questi giorni. Il cantautore napoletano rischia infatti di finire a processo per una vicenda che risale all’ormai lontano 2007.

Gigi D’Alessio è indagato per presunta aggressione nei confronti di alcuni paparazzi, per cui era già stato condannato a nove mesi in primo grado nel 2007 con l’accusa di lesioni ed esercizio abusivo delle proprie ragioni. I giudici dell’appello hanno ora richiesto nei suoi confronti l’accusa di rapina, per aver sottratto ai paparazzi una macchina fotografica.

A questo punto, il gup di Roma Flavia Costantini prenderà una decisione il prossimo 5 novembre in merito alla richiesta di rinvio a giudizio fatta dalla Procura e dal pm Pietro Polidori nei confronti di Gigi D’Alessio. In passato, il cantante aveva commentato l’episodio dichiarando: “Sono stato aggredito e mi sono difeso. Non tollero invasioni nella mia vita privata”.