18 settembre. Buona domenica! Ho accompagnato Anna al supermercato”: sembra assolutamente innocente la foto quotidiana che da molto tempo a questa parte Gianni Morandi ha postato nella giornata di ieri sul suo profilo Facebook.

Eppure lo scatto del cantante, immortalato mentre regge una busta all’uscita dal supermercato, ha scatenato un violento e imprevedibile vespaio di polemiche.

Motivo delle critiche sarebbe il messaggio lanciato dall’artista. Citando una delle tante commentatrici del post “la domenica i negozi devono stare chiusi, non si tratta di un servizio di prima necessità come ospedali, case di cura o forze dell’ordine. La spesa la possiamo fare negli altri sei giorni della settimana. I lavoratori di negozi e grande distribuzione hanno il diritto di poter stare a casa la domenica e gli altri giorni festivi.”

Morandi dunque è accusato di aver promosso – ovviamente senza volerlo – lo sfruttamento dei lavoratori, costretti a rendersi disponibili anche nei giorni di riposo (e ormai l’ipotesi della diffusione delle aperture notturne è sempre più vicina).

Il cantante però non si è perso d’animo e ha fatto sfoggio dell’aplomb caratteristico e della gentilezza che lo hanno reso una leggenda del web.

Quasi quasi cancellerei questa foto e questo post… Non pensavo di mandare un messaggio così negativo! Comunque grazie per il tuo consiglio”, “da oggi in poi, faremo la spesa nei giorni feriali…”, “sinceramente non pensavo che fosse una cosa così grave”, “non mi pare un peccato così grave augurare buona domenica. Non voleva essere una presa in giro”: queste sono solo alcune delle risposte pacate con le quali Morandi ha affrontato la bufera che lo ha investito.

E già oggi il cantante, che sembra non subire gli effetti del passare degli anni, ha pubblicato una nuovo foto che lo vede in viaggio su un treno.