La finale di Sanremo 2015 è stata la serata in cui “Il Volo” ha trionfato con la canzone “Grande Amore”, ma quella di ieri sarà la finalissima del Festival della Canzone Italiana in cui tutti ricorderanno l’ormai famosa stecca che Gianna Nannini, ospite sul palco dell’Ariston, ha intonato nel corso della sua esibizione sulla note di una delle sue più celebri hit, “Sei nell’anima”. Dopo la bufera di commenti che nella serata di ieri ha letteralmente invaso i social newtork, Twitter in primis, è stata la stessa rocker toscana a pubblicare su Facebook un post in cui la cantante riconosce l’errore commesso a Sanremo e ammette di aver combinato un “tro***o”.

“Ciao a tutti, ieri ho fatto un po’ un tro***o, d’altronde il “fuoritempo” è la mia specialità da sempre” scherza la Nannini sulla sua fanpage di Facebook dove ha voluto condividere col suo milione di fan una frase che resterà nella storia del Festival di Sanremo: “W il rock a Sanremo e chi sbaglia”. La cantante di Siena si era inizialmente esibita in una cover del brano “L’Immensità” presentato da Don Backy e Johnny Dorelli proprio al Festival di Sanremo del 1967 e contenuto all’interno dell’ultimo lavoro “Hitalia”. Ma è stata “Sei nell’anima” a procurare qualche piccolo problema nell’esecuzione.

Gianna Nannini, infatti, avrebbe combinato qualche pasticcio nell’attacco della canzone, costringendo l’orchestra a riarrangiare l’accompagnamento tra una stonatura e l’altra. La rocker si è prontamente accorta dell’errore e l’intero pubblico dell’Ariston l’ha risollevata con un caloroso applauso d’incoraggiamento. Meno affettuosi, invece, i commenti su Twitter da parte di alcuni utenti che hanno sottolineato come la Nannini esegua ormai da diversi anni lo stesso brano dicendosi sconcertati per il grave errore commesso sul palco di Sanremo.