George Clooney compie oggi 54 anni, ma potrebbe benissimo passare per uno splendido quarantenne. Insieme alla formula per il successo sarebbe indispensabile chiedergli se ha scoperto anche dove si trova la fonte dell’eterna giovinezza.

Per l’attore, che presto vedremo nel fantascientifico Tomorrowland in uno di quei ruoli carismatici che sceglie quando vuol fare film di cassetta, questo è il primo compleanno in compagnia della moglie Amal Alamuddin, l’avvocatessa specializzata in diritti umani che ha sposato lo scorso 27 settembre a Venezia.

L’amore per il nostro Paese è di lunga data, sin da quando l’attore dopo avervi trascorso un periodo di riposo ha deciso di comprare una villa sul lago di Como, cui poi sono seguite altre tre. Quasi in contemporanea, nel pieno del periodo da scapolo d’oro, Clooney ha anche frequentato la showgirl Elisabetta Canalis, con cui è stato fidanzato dal 2009 al 2011. Uno scambio culturale proficuo, dato che lui si è trasferito nel nostro Paese, mentre lei ha piantato le tende a Los Angeles.

Sempre nella sua villa di Laglio, Como, è prevista per oggi una grande festa ovviamente attorniata di vip. George è infatti conosciuto per il suo carattere amabile e per la sua predilezione per la bella vita, e infatti Amal ha pensato bene di regalargli una Porche 911 Gt3 Rs del valore di 135 mila dollari.

Ma non di soli piaceri vive George, il quale è da tempo impegnato attivamente in ambito politico: nel 2012 era stato arrestato come protestante davanti all’ambasciata del Sud Sudan a Washington per il blocco degli aiuti deciso dal regime. Ma non basta, perché George Clooney ha dichiarato di avere utilizzato i soldi guadagnati con i suoi spot della Nespresso per finanziare un progetto di osservazione satellitare per denunciare i massacri compiuti nel Paese africano.

Recentemente lo abbiamo visto al cinema nel suo Monuments Men, il quinto film da regista, mentre in precedenza è stato una presenza “fantasmatica” in Gravity, il kolossal fantascientifico di Alfonso Cuaron. Al momento sta preparando un film sullo scandalo delle intercettazioni telefoniche in Gran Bretagna.

Collaboratore amatissimo dai fratelli Coen, che lo hanno voluto in Burn After Reading, Prima ti sposo poi ti rovino e Fratello, dove sei? grazie al suo carisma alla Clark Gable, Clooney nella sua carriera ha affrontato ruoli diversissimi tra loro, passando agevolmente dal camp dei suoi Batman all’ambizione filosofica del remake di Solaris a opera di Steven Soderbergh, che lo ha poi voluto nella stilossima saga degli Ocean, senza contare l’impegno politico di Three Kings e Syriana o i ruoli più fuori di testa come le partecipazioni a due Spy Kids o al doppiaggio di Fantastic Mr. Fox.