Gabriele Paolini, il disturbatore più conosciuto del piccolo schermo, è stato fermato per induzione e sfruttamento della prostituzione minorile e per produzione di materiale pedo-pornografico.

Secondo quando si può apprendere pare che Paolini sia stato immortalato in alcune foto e video in atti con minorenni. In ogni caso la vicenda non è in alcun modo legato con l’operazione “Ninfa”, che riguarda le baby prostitute di cui la televisione ha tanto discusso in questi ultimi giorni.

Il disturbatore è noto al popolo televisivo proprio per le sue prepotenti incursioni dietro i principali inviati dei telegiornali italiani e questa sua attività, che solitamente era di denuncia i cause che lui sposava, qualche hanno fa lo ha fatto entrare anche nel Guinnes per numero di “presenze” nel piccolo schermo.

Nel corso del tempo a Paolini le incursioni erano costate qualche denuncia per interruzione del servizio pubblico e qualche spintone dei giornalisti: ricordiamo ad esempio che durante i Mondiali di calcio Francia 1998 il giornalista Paolo Frajese, inviato del TG1, lo prese a calci in diretta da Marsiglia (video). 

Caro Paolini, hai cercato le telecamere per una vita, questa volta le telecamere cercano te.