Torniamo a parlare di Gabriel Garko, l’attore e prossimo co-presentatore del Festival di Sanremo, coinvolto nell’esplosione della villa che aveva preso in affitto proprio nella città ligure.

Il bilancio dell’incidente è purtroppo drammatico: nello scoppio è morta l’anziana proprietaria dell’immobile, Maria Grazia Gugliermetti, di 77 anni, che abitava al primo piano.

Per Garko, che aveva preso in affitto il primo piano dello stabile, invece solo delle escoriazioni e un trauma cranico di lieve entità, per il quale ha ricevuto una prognosi di dieci giorni; illesa invece l’assistente Valentina.

Come confermato da alcuni testimoni, tra cui i primi soccorritori, l’attore ha cercato di aiutare l’anziana donna cercando di salire al piano di sopra, ma le fiamme sarebbero state troppo alte, rendendo vano il tentativo di salvataggio.

Piccola polemica nei confronti dei primi giornalisti a intervistarlo subito dopo la tragedia, interessati alla sua partecipazione al Festival di Sanremo. Garko ha avuto parole dure: “La conduzione del Festival di Sanremo? Non lo so: ma vi sembra una cosa da chiedermi con quella povera donna che è morta?” Dall’altra parte l’incidente è stato per l’interprete di tante fiction un inaspettato momento di lucidità: “Col passare delle ore comincio poco per volta a realizzare quello che è successo, e mi fa sempre più paura: sono vivo per miracolo“.

In ogni caso gli esperti mettono in dubbio la possibilità di una buona performance dell’attore durante la kermesse sanremese: secondo alcuni psichiatri uno shock del genere potrebbe provocare sintomi da stress post-traumatico, rendendo molto difficile per Garko concentrarsi sul suo lavoro. Ma per dettagli del genere sarà necessaria attendere gli sviluppi dei prossimi giorni, per quanto sulla pagina Facebook di Gabriel Garko sia comparso un “-9” inequivocabile come immagine del profilo.

Nel frattempo gli investigatori hanno posto sotto sequestro le macerie della villa. Si ipotizza una fuga di gas nella notte di cui nessuno sarebbe stato consapevole e poi l’accensione di un fornello difettoso accesso proprio dall’anziana proprietaria.