Franco Panariello, il fratello del celebre conduttore e comico Giorgio, è stato trovato morto a Viareggio, nei pressi del Bagno Zara, in una aiuola.

Le cause del decesso non sono ancora state rese note poiché si attende l’autopsia ma è invece risaputo che il fratello di Giorgio Panariello aveva lasciato la comunità di San Patrignano circa sei anni fa e che la sua storia di tossicodipendenza è sicuramente da mettere in relazione ad una infanzia particolarmente difficile.

La storia dei due fratelli, raccontata pubblicamente tre anni fa da Franco, che aveva voluto, in quell’occasione, ringraziare suo fratello Giorgio per averlo assistito durante i lunghi anni della tossicodipendenza, nasce con il doloroso abbandono da parte di una madre troppo giovane e seguita con la separazione di Franco e di Giorgio: il primo viene affidato ad un collegio, il secondo ai nonni.

Gli anni più tristi del collegio terminarono con l’adozione, ma Franco era oramai un ragazzino arrabbiato con la vita e fu allontanato dalla famiglia di Ancona che l’aveva accolto perché fu scoperto a rubare nella loro stessa abitazione.

Quindi fu trasferito in un altro istituto, questa volta a Siena, ma di nuovo cacciato a causa della condotta ed, infine, fu accettato nella casa dei nonni, dove incontrò per la prima volta suo fratello Giorgio Panariello.

Anni dopo Franco, consumato dalle droghe, fu aiutato da Giorgio a disintossicarsi, ed entrò in comunità per sette anni, a 37 anni, e quando ne uscì trovò un lavoro come giardiniere.

Ma il dolore non si deve essere placato e forse per questa ragione, Franco Panariello è scomparso prematuramente all’età di 50 anni.