Saranno i fratelli Joel e Ehan Coen a presiedere la giuria del concorso del prossimo Festival di Cannes che si terrà dal 13 al 24 maggio.

L’annuncio è arrivato proprio oggi, quasi a ridosso della presentazione dei film in concorso alla rivale kermesse di Berlino, grazie a un comunicato stampa che ufficializza l’accettazione dell’invito rivolto ai due cineasti da parte di Pierre Lescure e di Thierry Frémaux.

Quella del 68esimo Festival di Cannes sarà una presidenza piuttosto speciale, dato che per la prima volta il ruolo di arbitro finale nella sezione principale della manifestazione francese sarà affidato a due teste invece che una. Magari con qualche dibattito interno in più, anche se stando ai capolavori prodotti dalla coppia l’armonia, almeno quella creativa, regna sovrana.

Al momento invece non sono ancora stati resi noti i nomi degli altri componenti della giuria, così come è ancora avvolta dal mistero la selezione di quest’anno.

I fratelli Coen si sono detti orgogliosi dell’opportunità concessa, anche per la possibilità di poter visionare film provenienti da tutto il mondo. I due hanno poi ricordato di essere stati coccolati da Cannes agli inizi della loro carriera: il Festival francese accolse infatti Arizona Junior nel 1987.

Ma quello tra i due sceneggiatori/registi vincitori di quattro premi Oscar e Cannes è un felice connubio sin dal 1991, quando Barton Fink conquistò la Palma d’oro; per non parlare poi del premio alla regia vinto con Fargo e il Gran Prix attribuito al più recente A proposito di Davis.

La scelta dei due fratelli Coen ha poi un valore celebrativo della storia del cinema, dato che l’edizione del 2015 festeggerà anche i 120 anni dalla nascita dell’invenzione del cinematografico tradizionalmente attribuita a Louis e Auguste Lumière. Il Palmares di Cannes nel corso degli anni ha premiato altre coppie di fratelli: tra le più celebri i Taviani, che vinsero nel 1976 con Padre padrone, e i Dardenne, che convinsero tutti nel 1999 grazie allo stupendo Rosetta.

Foto by Infophoto