Un altro capitolo doloroso potrebbe aggiungersi alla storia di Francesco Nuti, il regista toscano che dal settembre del 2006 è costretto a stare su una sedia a rotelle a causa di un incidente domestico. Francesco Nuti, che da quell’incidente ha subito delle disabilità importanti, non è autosufficiente ed è per questo che necessita di un’assistenza continua. Una situazione che ha richiesto di essere seguita anche attraverso l’ausilio di un badante che potesse prendersi cura di lui in modo adeguato ed efficiente.

Cosa che però non sarebbe accaduta perché la persona che era stata incaricata di essere suo badante, è finita al centro di un’inchiesta da parte della procura di Prato con l’accusa di maltrattamenti. Francesco Nuti sarebbe stato picchiato, umiliato e vessato da chi avrebbe dovuto occuparsi di lui tanto che il giudice per le indagini preliminari avrebbe disposto l’allontanamento del badante dall’abitazione del regista e attore.

A far luce sulla vicenda è stato Giovanni Nuti, fratello di Francesco. La faccenda sarebbe poi stata ulteriormente confermata da un collaboratore dell’attore, che avrebbe testimoniato di aver assistito alle vessazioni. Lo stesso Francesco Nuti, nel corso di un colloquio con gli inquirenti, avrebbe scritto su un biglietto di avere paura.

Il badante, che per il momento è stato solo allontanato dalla casa del regista, sarà ascoltato tra dieci giorni e nel corso dell’interrogatorio potrà fornire la sua versione dei fatti.