Continua lo scontro a colpi di dichiarazioni e interviste tra Cristiano Malgioglio e Francesca Cipriani. Poco tempo fa il cantante si era scagliato contro l’ex concorrente del “Grande Fratello” e de “La Pupa e il Secchione” durante una puntata del “Grand Hotel Chiambretti“, consigliandole addirittura di abbandonare il mondo della televisione e magari intraprendere il mestiere di cameriera.

La prosperosa Cipriani è tornata sulla questione e, in un’intervista per il settimanale “Nuovo Tv“, ha risposto a tono a Malgioglio:

“A Malgioglio posso solo dire che ho già lavorato come babysitter e pure come commessa, quindi sarei pronta anche a fare la cameriera: è un lavoro dignitoso, quindi non mi sento certo sentita offesa da lui. La vita mi ha dato l’opportunità di lavorare nel settore che amo da sempre, lo spettacolo, quindi non capisco perché dovrei cambiare mestiere. Io a Cristiano potrei augurare di scalare le hit parade come cantante, non solo come autore di brani memorabili. In compenso lo vedo apparire in tv travestito da sirena: se Malgioglio crede che quel ruolo gli doni, sono molto contenta per lui!”.

L’ex Pupa non ha, quindi, la minima intenzione di abbandonare il mondo dello spettacolo anche se intanto sta pensando di intraprendere anche un’altra professione, quella da insegnante, per cui è pronta a rimettersi sui libri. Futuro a parte, Francesca difende a spada tratta la sua posizione senza capire perchè da due anni è vittima di tanto astio da parte del cantante:

“Ce l’ha con me forse perché sono esuberante, appariscente. Lui mi vede come un bersaglio da attaccare e lo fa da due anni. Bisognerebbe chiedere a Malgioglio che problemi ha con me. Qualcuno dice che mi detesta perché non può essere come me, ma io non posso crederci. È sempre stato un personaggio di primo piano nel mondo dello spettacolo: alla sua veneranda età potrebbe darmi buoni consigli e farmi da maestro. In fondo è un ‘grande vecchio’ dello spettacolo, anziché criticarmi dovrebbe fare qualcosa di costruttivo anche per altri giovani colleghi“.