Flavio Insinna utilizza un lungo video pubblicato nella sua pagina Facebook per metterci la faccia  e tornare a parlare della caso Striscia la Notizia. Il conduttore di Affari Tuoi che è stato duramente attaccato dal tg satirico di Canale 5 precisa la sua posizione verso le principali accuse. In un post che introduce il video pubblicato da Flavio Insinna, che in poche ore ha totalizzato 500mila visualizzazioni, il conduttore scrive: “Buonasera nel bene e nel male io ci metto la faccia e non pugnalo nessuno. Giammai alle spalle” e a inizio video precisa “Si cerca di distruggermi come persona, invece mi si regala una grande opportunità, quella di essere un uomo libero”.

Flavio Insinna ricostruisce la storia d’odio tra Affari Tuoi e Striscia la Notizia: “Dal 2003 Affari tuoi, conduceva Paolo Bonolis, viene martellato tutte le sere dagli amici di Striscia in maniera sempre più volgare, con insulti e montaggi fatti ad arte, perché abbiamo un’unica colpa: quella di andare in onda alla stessa ora di Striscia. Cos’è questa battaglia che vedete e che mi fa una tristezza infinita? E’ solo una roba di qualche punto di share. Poi però siamo scesi di livello e siamo passati a me. Perché ce l’hanno con me tanto? Sono l’unico che in questi anni, arrivato il Tapiro, anziché fare il sorrisetto, ho sempre risposto. C’è questa violenza umana contro di me perché ho avuto l’ardire di dire parliamo del vostro conduttore che deve risolvere un problema con le tasse. Apriti cielo… Dico questo e non mandano in onda il video… Come mai? Mandatelo in onda quel Tapiro. Va in giro su Internet ma non è diventato virale, spero lo diventi domani”.

Poi parla della signora ribattezzata “nana di mer*a”: “Io mi scuso con la concorrente, non con la signora. Si dovrebbero scusare altri con la signora, perché quelle parole lei non le ha sentite mai. Perché, come sanno quelli che frequentano Affari tuoi, i concorrenti dopo la puntata vanno tutti via. E io mai davanti ad una signora avrei detto quello. L’ho detto di una concorrente parlando con la mia straordinaria squadra di autori, che adesso fanno i Soliti ignoti che tutte le sere batte Striscia…”.

Flavio Insinna confessa: “Sono uno onesto, pago le tasse tutte, sempre, pago i miei errori, ma non mi si può dire che imbroglio… Ho protetto tutto e tutti, non mi sono difeso io. Non ho mai chiesto a qualcuno di spegnere un telefono perché non credevo che qualcuno potesse prepararmi un piattino come quello. Pago e vado via. Hanno sbagliato, pensavano di distruggermi, ma non è così. Meno ipocrisia e più gentilezza. Potete insultarmi come volete, ma quando ritornerò lo farò da uomo libero. Rifarei tutto quello che ho fatto, cercando di commettere meno sbagli, ringraziando sempre tutti quelli che mi hanno aiutato a sembrare più bravo simpatico. Poi nella vita sono tante altre cose, ma sono un uomo sincero e per bene”.

Dopo pochi minuti pubblica il video, ancora mai andato in onda su Striscia, di una sua consegna del Tapiro d’Oro dove chiede a Valerio Staffelli delucidazioni su chi non paga le tasse facendo riferimento al sig. Greggio.