Antoine è un brillante quarantenne, sposato con Claire, padre di due figli, conduce una vita agiata in una Parigi illuminista e intellettuale. In seguito a un colloquio con l’insegnante del figlio Arthur, Antoine inizia a frequentare, senza alcuna convinzione, la catechesi di una parrocchia. Poco alla volta quegli incontri, dopo la derisione e lo scetticismo iniziale, diventano indispensabili ad Antoine per raggiungere un nuovo equilibrio e una nuova serenità. Il percorso intrapreso modifica le relazioni con i suoi familiari e amici.

E’ questa la trama di L’amore Inatteso, scritto e diretto da Anne Giafferi che affronta il tema dell’incontro tra Dio e la Chiesa: qualcosa di imprevedibile, di inaspettato e di complesso da capire. La Giafferi spiega così il suo lavoro: “E’ un film che gioca con i cliché e i pregiudizi di cui la Chiesa cattolica è spesso oggetto. Si ride garbatamente dei credenti, ma anche di chi ha pregiudizi riguardo alla religione. Certo, il film parla di spiritualità, di ricerca del senso della vita, ma questi temi sono trattati con leggerezza, ironia e senza proselitismo. Ho cercato l’equilibrio tra un tema piuttosto serio e un genere tendente più volentieri verso la commedia“.

Interpretato da Eric Caravaca, Arly Jover, Valérie Bonneton, Jean-Luc Bideau e Benjamin Biolay, il film affronta un insolito cammino di fede con humour e riesce a far commuovere e divertire al tempo stesso. Il contrasto tra la rinascita interiore del protagonista e il crudele scetticismo generale innesca meccanismi inaspettati e coinvolgenti sotto gli occhi di una Parigi sempre più stupefacente. Il film sarà nelle sale italiane dal prossimo 21 marzo.