Laura Chiatti sarà al cinema da prossimo 11 aprile con Il volto di un’altra, il nuovo film di Pappi Corsicato, un affresco ironico su un mondo ossessionato dalla cultura dell’immagine, dalla fama e dalla perfezione estetica.

L’attrice interpreta una conduttrice TV bellissima, ma con una carriera in bilico, disposta a tutto, anche a rifarsi il volto, pur di riottenere il suo successo: “Credo che ci sia un’ossessione per il raggiungimento della perfezione, che poi ovviamente è idealizzata, che non esiste, entri in un circolo vizioso che ti porta a stravolgerti senza poi arrivare ad una meta reale e accettabile“.

Nel film, insieme al marito chirurgo estetico, interpretato da Alessandro Preziosi, la Chiatti inscena un’operazione in diretta tv. “Non ho mai interpretato ruoli così lontani dal mio essere: io sono molto spontanea, e sono sempre stata vicina a ruoli realistici, invece lui voleva questo personaggio con una recitazione antinaturalistica, voleva mettere in scena due attori che recitassero anche in scena, cosa che non ti chiede mai nessuno, anzi ti chiedono l’opposto“.

Tutti i personaggi del film sono disposti a tutto pur di raggiungere perfezione e visibilità, ma l attrice ci tiene a essere fedele a se stessa. “Io sono abbastanza camaleontica, quindi con i capelli diversi e con un trucco diverso sembro già un altra persona, e già questo mi destabilizza molto, perché sono abbastanza tradizionalista anche nell’aspetto fisico, quindi mi piace riconoscermi“. Le chiavi per uscire da quest’ossessione della perfezione per la Chiatti ci sono: “La simpatia, l’ironia e l’autoironia”.