Essere donna, adulta, e sola. Un dilemma per molte, un vantaggio per la protagonista di Viaggio Sola, nuovo lavoro cinematografico di Maria Sole Tognazzi con Margherita Buy e Stefano Accorsi.

Quando abbiamo iniziato a scrivere il film tre anni fa – racconta la regista –  era un momento in cui uscivano tantissimi film sulle famiglie, omosessuali, regolari, con persone che si lasciavano si ritrovavano, allora abbiamo deciso con Ivan Cotroneo e Francesca Marciano di scrivere un film su una donna sola, che però è felice di essere sola“.

Allontanarsi dalle convenzioni, scegliere di rinunciare alla famiglia, ai figli e ai cliché italiani per sentirsi appagata da una quotidianità diversa, ma comunque appagante: “E’ la quotidianità della sua vita che è particolare ma che è semplicissima, scandita dai suoi viaggi, e anche la sorella e tutti i personaggi sono normalissimi, il marito, i bambini“, racconta la Buy.

Nella vita di questa donna, però, un uomo c’è ed è il suo migliore amico, nonché ex-fidanzato. Accorsi, che lo interpreta, commenta così la pellicola: “Il film è pieno secondo ma di tante cose. Non è un film che dice: ‘Qui bisogna fare i fuochi d artificio, ci devi mettere un conflitto bestiale, un bisogno bestiale’. Il film entra in altre scene, in altri momenti, dilatandoli e secondo me questa è la cosa veramente sorprendente del film, che parla della vita normale, però lo fa in un modo che non è banale, anzi con una grazia, una leggerezza, una chiave che è sempre al limite della commedia umana, però non diventa mai una commedia e basta“.

Viaggio sola sarà nelle sale a partire dal prossimo 24 aprile.